L’istituto Marcucci a Roma: Giovani in Europa, il meglio deve ancora venire

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è tenuto  a Roma (Sala del Tempio di Adriano della Camera di Commercio di Roma) l’8 e 9 novembre l’evento dell’Agenzia Nazionale per i Giovani “10.30.60 E ora è ora” per festeggiare i 10 anni di attività dell’Agenzia insieme ai 30 anni del programma Erasmus nell’ambito dei 60 anni dei Trattati di Roma.

Alla festa, patrocinata dal Ministero del Lavoro, Dipartimento della Gioventù, Regione Lazio, Roma Capitale, CONI, CIP, Corriere Buone Notizie, con la media partnership della RAI, condotta da Federico Taddia, con la partecipazione di Pierluigi Pardo e Mia Ceran, sono intervenuti numerosi ospiti: da Andrea Pezzi a Claudio Coccoluto, a Tommaso Paradiso (Thegiornalisti), da Fabio Zaffagnini (ideatore di Rockin’ 1000) a Beatrice Venezi (direttore d’orchestra più giovane d’Europa), da Alex Bellini (esploratore italiano) a Marco Fassinotti (atleta FIDAL). Con gli atleti paralimpici Chiara Coltri e Giulio Maria Papi, e gli atleti della nazionale di calcio con sindrome di down vincitori dei mondali 2017.
L’iniziativa vuole raccontare i risultati ottenuti in questi anni di attività, che hanno visto la partecipazione di oltre 110.000 giovani italiani ai programmi europei per un totale di più di 92 milioni di euro investiti, commentati con il sottosegretario al Lavoro e Politiche sociali Luigi Bobba, il sottosegretario agli Affari Europei Sandro Gozi ed il Ministro della Coesione territoriale Claudio De Vincenti. E ancora, le storie dei protagonisti di questi 30 anni di mobilità europea, di coloro che, grazie alle esperienze di mobilità in Europa si sono formati, hanno cambiato vita, hanno trovato la loro strada, hanno aperto la loro mente e sono diventati ancora di più cittadini europei.
L’incontro a Roma a visto la partecipazione  di 200 giovani, per ricordare i successi passati e presenti e per gettare le basi per il futuro in Europa, perché “ora è ora” e il meglio deve ancora venire.Un bilancio positivo quello dell’Istituto Suore Pie Operaie dell’Immacolata Concezione di San Benedetto del Tronto, dice Alceste Aubert, responsabile progettazione europea., che ha visto la partecipazione in quest’anno dei ragazzi italiani in progetti erasmus in Armenia, Polonia, Romania, Grecia e uno scambio giovanile anche a San Benedetto del Tronto.L’Istituto Marcucci afferma Alceste Aubert supporta il territorio nella pianificazione di strategie che vedano il coinvolgimento dei giovani, attraverso il Programma Erasmus Plus, nella fase di rinascita dei nostri meravigliosi luoghi e di tutto il centro Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *