Monteprandone, non sarebbe San Martino senza la Cucina dello Spirito

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Paola Travaglini

MONTEPRANDONE – Come da consolidata tradizione, presso l’Hotel S. Giacomo di Monteprandone una serata all’insegna della gastronomia d’eccellenza e della cultura dal tema “San Martino d’Italia e d’Europa : un percorso monastico da Monteprandone all’Europa e ritorno.

L’evento organizzato da Ermetina Mira, richiama sempre cultori del cibo da tutta la provincia e non solo.

“Sul modello,e quasi sulle orme, di San Giacomo della Marca – afferma Ermetina Mira- si proporrà un sentiero virtuale tra i sapori autunnali della festa e del periodo di San Martino per mete finora inesplorate.

Nella cena di questa tradizione ormai decennaledella “Cucina dello Spirito”si farà un viaggio d’apertura di Monteprandone per riapprodare infine nello stesso Convento di San Giacomo della Marca ,al dessert conclusivo con le canoniche castagne e l’irrinunciabile vino cotto .

Nel mezzo si esplorerà un sentiero tra alte abbazie e monasteri in Italia e per la prima volta in Europa ,nei percorsi dei pellegrini e dei viandanti che come Giacomo, instancabilmente e con spirito di conoscenza e passione per il sapere, solcavano le vie della devozione.

Questo il ricco menù

Crostino con olio di tenera ascolana e oliva concia (Convento di Santa Maria Delle Grazie Monteprandone), Trippa (Ricetta tradizionale Abbazia di Casamari Frosinone), Torta di zucca ( ricetta di fine ‘800 dell’Abbazia di San Nicolò di Capodimonte di Portofino Genova), Maccheroncini al sugo di fagioli (ricetta di fine ‘800 dell’Abbazia di San Nicolò di Capodimonte di Portofino Genova), Cappelletti di Cappone ( ricetta ottocentesca delle Clarisse di Santo Stefano a Imola Bologna), Arrosto di vitello al vino novello (tradizionale dei monasteri Beaujolais, Francia), Anatra di San Martino (tradizionale dei monasteri di Santiago de Compostela Portogallo ), Polenta Concia ( tradizionale del Santuario d’Opera e Biella), Crostata (ricetta ottocentesca delle Clarisse di Santo Stefano a Imola Bologna), Gelatina di mele speziate ( Abbazia di Saint Mary, West Malling Gran Bretagna), Crema delle Monache (tradizionale dei monasteri attorno a Santiago de Compostela Portogallo ), Caldoarroste e vino cotto (Convento di Santa Maria Delle Grazie Monteprandone).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *