Grottammare, da oggi i lavori al sottopasso ferroviario di via Pontelungo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

GROTTAMMARE – Inizieranno oggi, 16 ottobre, i lavori per la sistemazione del sottopasso ferroviario di Via Pontelungo, un intervento particolarmente richiesto e atteso dal quartiere, considerata l’importanza della struttura che consente il collegamento delle aree più settentrionali di via Roma e viale Colombo con la Statale 16.

I lavori saranno eseguiti dalla ditta Lupi Vincenzo srl, incaricata dalla CIIP SpA al fine della salvaguardia delle linee fognarie bianche e nere sottostanti, e avranno un importo complessivo di 19.710,44 euro.

“Finalmente riusciamo a mantenere anche questo impegno – afferma il Sindaco Enrico Piergallini – nonostante le condizioni avverse: la riqualificazione del “pontino lungo” infatti era già programmata all’interno dell’accordo di programma “ex-Cardarelli”, attualmente fermo. Non potevamo rimandare oltre questa sistemazione e così grazie al supporto della CIIP siamo riusciti a metterla in cantiere. Per questo motivo ringraziato il Presidente Alati e i suoi collaboratori tecnici per l’impegno profuso”.

L’intervento, che presenta caratteri di difficoltà visti gli spazi estremamente ridotti in cui si svolge, comporterà l’allargamento del piccolo marciapiede mediante la posa di un cordolo e il riempimento con calcestruzzo, ricoperto di uno strato di resina sintetica idrosolubile. Successivamente verrà rifatto il manto di asfalto, previa la scarifica degli stati preesistenti per non ridurre ulteriormente la già scarse quote altimetriche del sottopasso.

I lavori avranno una durata prevista di circa 10 giorni e comporteranno inevitabilmente la chiusura della strada al transito dei veicoli per tutto il periodo.

“Sistemato il pontino – prosegue il Sindaco – appena possibile nel nuovo anno, completeremo la sistemazione della zona, asfaltando il tratto restante di via Pontelungo e la perpendicolare via Cairoli, particolarmente dissestata nell’ultimo tratto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *