San Benedetto Martire, pillole di storia fino ai nostri giorni

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Terzo e ultimo appuntamento sulla storia di San Benedetto Martire

Pietro Pompei: “San Benedetto Martire non è una leggenda”

Reliquie di San Benedetto Martire, la “radiodatazione” dà ragione alla tradizione

Diversamente dai tanti paesi vicini, la storia della nostra città, dalle origini fino al tardo Medioevo, è relativamente povera. Ciò lo si può dedurre dai pochi reperti ed opere murarie che sono rimaste. Molte sono le motivazioni che si possono portare a spiegazione di tale asserzione: prima fra tutte il fatto che i nostri antenati si trovarono ad abitare in una zona quasi naturalmente di confine, per cui sistematicamente soggetta a continui eventi militari. Per decenni e decenni , questa località venne considerata un avamposto su una demarcazione tra due gruppi etnici: a Sud i Liburni e a Nord i Piceni. Quando poi la Salaria venne a congiungersi con l’Aprutina, furono più frequenti le migrazioni militari: gli eserciti stanziavano lungo le valli scavate dai torrenti, prima di avventurarsi oltre il Tronto, fiume un tempo, particolarmente ricco di acque.
Un primo stabile insediamento si ebbe intorno alla tomba di un Martire cristiano, Benedetto, del martiro del quale è giunta fino a noi una particolareggiata tradizione. La devozione verso questo Santo fu sicuramente incisiva tanto da lasciarci oltre ad una Pieve, intorno alla quale sorse il primo nucleo abitativo anche il nome, unico eponimo del genere tra i tanti paesi litoranei. E’ il momento questo in cui è predominante l’ “ager cuprense” e da qui, secondo la tradizione, con aggiunte nel florileggio fatti miracolosi, giunse sulla nostra spiaggia, in contrada Marinuccia,spinti dalle correnti, il corpo e il capo, gettati , per disprezzo, nel torrente Menocchia e finiti in mare aperto.
Una prima testimonianza cartacea dell’esistenza della nostra località si ha in un documento fermano dell’anno 998. Ma bisogna giungere al 1145 per avere un sicuro attestato in cui i fratelli Atto e Berardo Gualtieri ottennero da vescovo di Fermo,Liberto, il permesso, come atto di vassallaggio, di costruire il Castello di S.Benedetto in Albula. Al di là delle mura di protezione, il Castello, nell’interno, non si arricchì di particolari manufatti, a dimostrazione di una popolazione povera, dedita all’attività agricola su un territorio non adatto per le grandi colture, limitato ad ovest da una densa vegetazione mediterranea e intorno da zone acquitrinose. Il torrione, che impropriamente viene legato al nome dei Gualtieri, fu costruito alcuni secoli dopo ( intorno al 1300) nella necessità di premunirsi contro attacchi di nuovi strumenti di assalto.
Era trascorso appena un secolo che i vari eredi dei Gualtieri, pensarono di vendere la loro parte di eredità. La città di Fermo le acquistò per farne un avamposto in difesa di un territorio concesso loro dai vari Imperatori, in particolare di Casa Sveva.
E’ tra il secolo XIII e XIV che incominciarono a delinearsi le premesse di una storia ,che caratterizzerà in futuro la nostra città. All’attività di un’agricoltura sempre più specifica che riverserà i suoi prodotti anche sul mercato di città lontane, come Roma e ad uno sfruttamento della foresta Folcaria, si unì il lavoro sul mare, favorito dal formarsi dei primi consistenti “relitti”. Questi poi facilitarono anche le comunicazioni, aprendosi su di essi una strada litoranea, agevole per il transito non solo degli eserciti, ma soprattutto per il trasporto delle merci.
Il nostro fu anche il territorio su cui sfogarono le rivalità i potentati di Ascoli e Fermo, a cui vanno aggiunte le scorrerie dei Saraceni. Questo continuo andirivieni portò malattie, come la peste, che decimò la popolazione, come quella dell’anno 1492, in cui si decise di abbandonare il Castello per ricostruirlo sul pianoro del Monte Aquilino , sul quale in passato vi era stato un insediamento Longobardo.
La storia del nostro Castello, dal Medioevo in poi , si intreccia con quella dei grandi potentati e specialmente nella rivalità tra il potere della Chiesa e quella dell’Impero con annessa la partigianeria delle due città, sopra ricordate, Fermo ed Ascoli. Episodio importante fu quello della distruzione del “porto” costruito dagli Ascolani alla foce sinistra del Tronto, da parte dei Fermani, guidati da Gentile da Mogliano, in quel tempo Signore di Fermo (1348). Di tutte le torri che formavano la fortificazione del porto, ne rimase solo una che ancor oggi regge al tempo e comunemente chiamata “Torre Guelfa”.
Dato l’aumento sempre crescente della popolazione si pensò di costruire case fuori le mura castellane. In un trasunto di rogito notarile rogato dal notaio Giuseppe Antonio Anelli in data 7 gennaio 1741, si legge che “la stessa Communità ab immemorabili tempore ha ceduto e consegnato e venduto a diversi Particolari di questo Castello il posto o sia Sito per fabricarvi case ed abitazioni per commodo proprio in diversi luoghi, e precisamente in contrada detta delle Casenove annesse e contigue al Castello, come pure nelli Relitti del Mare ora detti della Terra della Marina”.
Gli eventi della Rivoluzione Francese furono vissuti nella paura di un’aggressione principalmente religiosa, con un popolo non preparato a comprendere le nuove idee da essa sprigionate. Il territorio fu diviso in otto Dipartimenti. S.Benedetto fu inserito in quello del Tronto con capoluogo Fermo. Questo, a sua volta, fu ridiviso in 19 Cantoni. E’ il periodo in cui emerge la famiglia Moretti, con il suo rappresentante presso il Cantone.
Scrive il Guidotti nella sua storia della nostra città (pubblicata dal Circolo dei Sambenedettesi):”Incominciò così il sec. XIX, il secolo del Risorgimento, in cui tante glorie civili e militari innalzarono la nostra Patria a dignità di nazione libera ed indipendente, la cui alba, però, trovò il nostro paese in uno stato compassionevole di depressione economica, culturale e civile”.
Ma ben presto la nostra città si risvegliò dal suo torpore tanto che la popolazione nel volgere di cinquant’anni raddoppiò, passando dalle 5839 unità del 1861 alle 10.428 del 1911 e triplicò nel 1961 (31.274), nonostante le due grandi guerre mondiali. L’attività peschereccia divenne la prima d’Italia, come attivissimo era il commercio orto-frutticolo. Non va, infine, dimenticato che la nostra città, nel dopo guerra, si è trasformata in un vivace centro turistico, in costante crescita demografica.
Guido Piovene, famoso scrittore e giornalista, così scrisse di noi sulla rivista “Tuttitalia”,n. 93 del 14 novembre 1962: “ S.Benedetto del Tronto è la città più eccentrica delle Marche per l’indole dei suoi abitanti, fantastici e arrischiati, pescatori che corrono con tecniche di pesca poco note in Italia, dai mari artici all’Estremo Oriente, un’oasi di sangue diverso dalla popolazione agricola insediata alle loro spalle”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *