ACLI, Giulio Lucidi: “vogliamo incrementare i momenti di socializzazione per le persone anziane”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DIOCESI – Si avvia alla conclusione, con positivi riscontri, il progetto “Gli itinerari della fede” promosso dal Circolo Acli Romero e dall’Unione Sportiva Acli Marche in collaborazione con l’Ufficio per la pastorale sport, turismo e tempo libero delle diocesi di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto.
Si tratta di una manifestazione che ha preso il via nello scorso mese di aprile e nel corso del 2017 ha coinvolto centinaia di persone di ogni età.
L’iniziativa è resa possibile anche grazie alla collaborazione con la Regione Marche che l’ha sostenuta inserendola nelle iniziative relative al quadro attuativo dell’anno 2017 degli interventi della Legge Regionale n. 5/2012.
“Il progetto – dice Giulio Lucidi presidente del Circolo Acli Romero e recentemente rieletto presidente provinciale dell’U.S. Acli di Ascoli Piceno e Fermo – consiste nella realizzazione di una lunga serie di appuntamenti gratuiti che hanno però diversi scopi. Da un lato vogliamo incrementare i momenti di socializzazione per persone anziane che rappresentano la maggior parte dei partecipanti. Dall’altro lato cerchiamo di aumentare la pratica dell’attività fisica. Varie evidenze scientifiche hanno infatti dimostrato che esiste un nesso di causalità tra sport e salute per ben cinque patologie ossia malattie cardiovascolari, ictus, tumore al colon, tumore al seno e diabete di tipo 2”.
Il protocollo d’intesa che l’U.S. Acli Marche ha stipulato con la Regione Marche per la realizzazione delle azioni del Piano regionale della prevenzione ha individuato proprio nel progetto “Gli itinerari della fede” come una delle azioni che vi caratterizzano.
“Abbiamo iniziato questo progetto – continua Lucidi – nel 2013 con una camminata in onore di San Benedetto Martire in occasione delle festività patronali in riviera e da allora sono stati tanti gli appuntamenti realizzati. Le nostre non sono processioni religiose, ma camminate in onore di patroni delle parrocchie o delle città o di santuari che ci permettono di stringere un rapporto forte con la comunità e con i patroni di cui approfittiamo per conoscere meglio la storia con visite guidate e incontri con parroci e/o rettori. L’esperienza del cammino è comune a molte culture, in ogni tempo e luogo; essa è stata spesso associata a contesti religiosi o, comunque, di ricerca interiore.

Nel corso del 2017 quali sono stati gli appuntamenti organizzati? E cosa c’è ancora in programma?
“Abbiamo iniziato – conclude il presidente del Circolo Acli Romero – a Cossignano con la “Camminata per San Giorgio” ad aprile, poi abbiamo organizzato iniziative con punto di partenza il Santuario del Cuore Immacolato di Maria di Pagliare, il convento di San Tommaso Becket a Montedinove, la chiesa del Cuore Immacolato di Maria ad Ascoli, la chiesa di Sant’Anna a Centobuchi, quella di San Pio X a Spinetoli, la “Camminata per Sant’Emidio” ad Ascoli che ci ha visto visitare anche Sant’Emidio Rosso e Sant’Emidio alle grotte. Il prossimo appuntamento ci sarà a San Benedetto del Tronto venerdì 13 ottobre in Piazza Sacconi alle 21 in occasione della festa del patrono. A novembre e dicembre, poi, sarà la volta delle camminate in onore dei patroni di Monteprandone, San Giacomo della Marca, ed Acquaviva Picena, San Niccolò e di quella di Santa Lucia a cui i sambenedettesi sono particolarmente legati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *