Villa Rosa, il saluto della parrocchia a Don Gianni Capriotti

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Beatrice Bengasi

MARTINSICURO – “Quattro anni son passati da quando in quel 1 ottobre del 2013 arrivasti a Villa Rosa!” Giunti ormai alla fine di un cammino di fede vissuto insieme nella scoperta dell’Amore di Cristo, la comunità di Villa Rosa e in particolare i giovani della parrocchia di San Gabriele dell’Addolorata, rivolgono a Don Gianni un enorme Grazie.

Come affermano i responsabili: “grazie per gli anni trascorsi nella nostra parrocchia, grazie  per essere stato paziente con noi ed averci educato alla fede, grazie per averci fatto innamorare di Cristo, grazie per l’affetto che hai avuto nei confronti dei più piccoli, grazie per la tua amicizia, grazie per aver avuto fiducia in noi e per averci sostenuto nei nostri momenti di debolezza! Grazie di tutto!”

Per esprimere questi sentimenti di profonda gratitudine la comunità di Villa Rosa ha voluto organizzare una festa a sorpresa nel salone parrocchiale dove, in maniera gioiosa e collaborativa, tutti si sono prodigati per la riuscita della serata. La festa è stata ricca di momenti significativi organizzati nei minimi dettagli: all’inizio, ignaro di tutto, Don Gianni si è visto catapultare nello studio di “c’è posta per te” in cui ha dovuto consolare il dolore di un’anziana che non ha resistito al suo saluto, successivamete gli educatori dell’oratorio hanno ballato con lui sulle note di “Detto Fatto” e si è dato il via al banchetto di dolci preparati dai villarosani.

La serata si è conclusa con la “lotteria Don Gianni” e con la visone di un video realizzato dai giovani per ripercorrere le tappe del cammino vissuto insieme a lui sulle orme di Colui che più ci ama. Non sono mancate le parole di Don Federico che lo ha ringraziato per la semplicità e determinazione che ha messo in ogni compito affidatogli nel suo servizio a Villa Rosa.

Ora tutta la comunità rivolge una preghiera e, nel ringraziarlo del tempo di riflessione, condivisione, crescita e discernimento vissuto con lui, lo affida al Signore nella sua nuova missione di parroco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *