Acquaviva Picena, felice anniversario a Nazzareno e a Maria Teresa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ACQUAVIVA PICENA – Nazzareno Calvaresi e Maria Teresa Malavolta di Acquaviva Picena hanno festeggiato quarant’anni insieme. Si sono uniti in Matrimonio nella chiesa di Cristo Re di Porto D’Ascoli e ora hanno ringraziato il Signore nella chiesa parrocchiale di san Niccolò di Acquaviva per il dono della loro unione. Nazzareno e Maria Teresa hanno svolto il lavoro di impiegati per tanti anni e ora si godono la meritata pensione, ma non smettono di aiutare chiunque ha bisogno, sia materialmente che spiritualmente. Una coppia affiatata e ancora oggi innamorata come allora che è stata rallegrata dalla nascita dei due figli Alessia e Luca e da alcuni anni anche dal nipotino Mattia. Nazzareno e Maria Teresa hanno ricevuto il dono di una grande fede che trasmettono a tutti quelli che li conoscono, oggi per festeggiare l’anniversario hanno voluto innanzitutto ringraziare il Signore nella Celebrazione Eucaristica delle 11:15, partecipando insieme alla santa Messa come ogni domenica. Maria Teresa ha voluto fare una sorpresa al marito non rivelando che alla Messa sarebbero stati invitati tutti i parenti e amici, ha poi ringraziato tutti coloro che sono stati sempre vicino alla coppia e il gruppo liturgico parrocchiale di cui Maria Teresa fa parte. Don Alfredo ha ricordato agli sposi di rimanere uniti nella fede del Signore e ricordare sempre che ogni giorno è un nuovo giorno, ma l’Amore che li unisce li accompagnerà sempre. Gli sposi hanno posto ai piedi dell’altare dei grappoli d’uva per ricordare che siamo tutti tralci legati alla vite e che senza l’aiuto e l’Amore di Dio non possiamo fare nulla. Maria Teresa ha detto: “ Ringrazio il Signore perché mi ha fatto incontrare Nazzareno, non ci crederete, ma non abbiamo mai litigato. In tanti anni mai una parola fuori posto, non abbiamo mai alzato la voce. Abbiamo camminato sullo stesso sentiero sempre mano nella mano, nelle difficoltà e nel dolore le nostre mani si stringevano di più. Prima di fare qualsiasi scelta, dalla più banale alla più importante, ne discutevamo insieme, perché nella coppia bisogna saper parlare e ascoltare. Entrambi i verbi sono importanti. Mio marito è riservato, schivo, ma ha un cuore grande e tutti quelli che lo conoscono lo sanno. Sempre premuroso, attento e affettuoso, sia con me che con i figli. Noi abbiamo fatto sempre tutto insieme, sappiamo tutto l’uno dell’altra, se si vuole costruire qualcosa di bello, di grande, di veramente importante il segreto è farlo insieme. Io ringrazio Dio che abbiamo sempre sentito vicino e ringrazio mio marito perché è così”.

Patrizia Neroni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *