San Benedetto, nuova seduta della “cabina di regia” delle azioni di contrasto alla violenza

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Si è svolto il 20 settembre, presso la sala Giunta del Comune di S. Benedetto del Tronto, il secondo incontro della “Cabina di Regia per l’attuazione di politiche di prevenzione e contrasto alla violenza nel comune di S. Benedetto del Tronto”, un tavolo di lavoro voluto dall’Assessore alle Pari Opportunità Antonella Baiocchi che ha l’obiettivo di conoscere, far conoscere e mettere in rete le opportunità di aiuto che offre il territorio, ideare iniziative di prevenzione e fronteggiamento del problema, promuovere la cultura del reciproco rispetto.

Il tavolo vede riuniti i rappresentanti degli ambiti che maggiormente hanno la possibilità di intercettare episodi di violenza e conflitti nella relazione: il magistrato Rita De Angelis, il direttore del Consultorio Familiare Vincenzo Luciani, la Presidente della Commissione Provinciale Pari Opportunità Antonietta Lupi, il Direttore dell’Ambito Territoriale Sociale n. 21 Antonio De Santis, la Direttrice dei Servizi Sociali Simona Marconi, la coordinatrice del Centro Antiviolenza Laura Gaspari, il Primario del Pronto Soccorso Paolo Groff e la dott.ssa Liliana Talamonti, gli avvocati Francesca Biancifiori e Cristina Perozzi, la prof.ssa Flavia Mandrelli, consigliera comunale in rappresentanza del mondo dell’istruzione, l’ispettore di Polizia Fiorina Marra, il comandante della stazione dei Carabinieri Luogotenente Luigi Cameli, il direttore del servizio Rapporti con il cittadino e comunicazione pubblica Eugenio Anchini e i quattro componenti della Commissione Anti violenza del Comune di S. Benedetto : i consiglieri Comunali Brunilde Crescenzi, Antonella Croci, Gianni Balloni e Gabriele Pompili.

Nel corso dell’incontro, al quale ha partecipato anche il sindaco Piunti, promotore a suo tempo dell’istituzione nella nostra provincia di due Centri Anti violenza, ognuno ha espresso le criticità del proprio ambito di riferimento.

“Abbiamo evidenziato criticità di base – spiega l’assessore Baiocchi – su cui intervenire con priorità: ad esempio, il problema della mancanza di mappatura delle risorse esistenti, l’insufficienza delle risorse presenti sul territorio (ad esempio case di accoglienza temporanea, case rifugio), la debolezza della rete tra le risorse esistenti, la necessità di informazione e formazione degli operatori che hanno occasione di intercettare il disagio (medici di base, operatori in ambito scolastico, le associazioni che offrono servizi di ascolto, etc.). E ancora, il problema delle ore scoperte, notturne, festive e prefestive, in cui chi ha bisogno di aiuto non trova operatività ma una segreteria telefonica. C’è molto da fare, ma sono fiduciosa perché la squadra è molto competente e motivata: si è respirata aria di grande complicità e volontà di spendersi per colmare le lacune esistenti e far diventare il nostro territorio un esempio di buone prassi ed operatività”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *