Allagamenti, il sindaco convoca la CIIP

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – “E’ stato un incontro molto positivo, abbiamo messo sul tavolo tutte le criticità che la città presenta e, nella maggior parte dei casi, abbiamo definito un percorso di lavoro tale da fornire risposte concrete”.

E’ soddisfatto il sindaco Piunti al termine dell’incontro da lui convocato con i vertici della CIIP per fare il punto sulle situazioni più difficili che San Benedetto vive ogni volta che piove più del normale. Alla convocazione ha risposto il presidente Pino Alati con i tecnici Ianni e Serena mentre il Sindaco era affiancato dal vicesindaco Assenti e dai tecnici Cicchi, Antolini, Cameli e dal dirigente del settore Lavori pubblici Davarpanah.

Per la zona di via Monte Conero, per la quale è stato fatto un cospicuo investimento, si è in attesa delle autorizzazioni ambientali per rendere operativo il collegamento dell’impianto di sollevamento e raccolta con il torrente Ragnola. Si tratta, è stato spiegato, di una procedura complessa, che vede coinvolti anche Arpam e Provincia, e che è stata avviata per tutti gli analoghi impianti che CIIP ha realizzato lungo la Vallata del Tronto: ma è l’ultimo ostacolo che si spera di superare quanto prima.

Per l’impianto di sollevamento che scorre sotto il letto dell’Albula in prossimità della foce, da spostare per evitare che possa danneggiarsi, la CIIP ha assicurato l’intervento è in fase di avvio mentre per via Esino, danneggiata dal ricevere le acque di via Toti dove è stato fatto di recente un potenziamento degli impianti di sollevamento, bisognerà sostituire le pompe entro l’anno.

A breve saranno effettuate verifiche per individuare gli interventi da eseguire sulla vasca di sollevamento e sulla linea che serve piazza Salvo d’Acquisto (la Rotonda di Porto d’Ascoli) ed è in fase di approvazione da parte dell’ATO il progetto di riqualificazione della zona nord della città, del valore di circa 2,5 milioni, che dovrebbe risolvere anche il problema degli allagamenti nella zona del Ballarin e di piazza del Pescatore.

Infine, la CIIP si è detta disponibile, così come richiesto anche da altri Comuni, ad assumere l’onere della manutenzione dei sottopassi. Il Comune si è riservato di valutare la proposta economica che verrà formulata da CIIP.

“Penso che mai come in questi anni si sia investito tanto sulle reti fognarie e idriche di San Benedetto – ha ricordato al termine dell’incontro il presidente CIIP Alati – in molti casi la messa a regime degli impianti realizzati dipende da procedure su cui non abbiamo competenza ma sono convinto che le opere eseguite e quelle già previste per San Benedetto segneranno una svolta positiva nei prossimi anni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *