Sgombero senzatetto in Vaticano: Burke e Giani a Radio Vaticana, “sicurezza”, “buon senso” e “decoro”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Sulla questione dello sgombero dei senzatetto da Piazza San Pietro e dintorni, considerate le varie letture date dai media sulla vicenda, il direttore della Sala Stampa, Greg Burke ha chiarito, dopo verifiche con la Gendarmeria Vaticana, che la misura è stata adottata per ragioni di “sicurezza” e di “buon senso”, dovute al fatto che durante le ore diurne i senzatetto lasciano borse, pacchi ecc. che non è possibile controllare con la folla. A riferirne è Radio Vaticana, precisando che per questo motivo sono stati invitati, durante il giorno, a portare via le loro cose e a non sostare in bivacchi, mentre possono liberamente tornare per le ore notturne. Sul problema dell’allontanamento diurno dei senza fissa dimora da Piazza San Pietro, l’emittente vaticana ha interpellato il Comandante della Gendarmeria Vaticana, Domenico Giani, che dichiara: “Da tempo si era posto questo problema. Perché? Sia per sicurezza, sia per decoro. Sicurezza perché bene o male, essendo il Vaticano un luogo-simbolo è comunque un obiettivo. Non ci sono minacce in questo momento, ma pur sempre rimane il Vaticano. Non è possibile che la gente possa stazionare lì: se noi troviamo una borsa viene lanciato un allarme; alcune volte, lì venivano lasciate borse per intere giornate. Questo non era più possibile sostenerlo, proprio e anche per rispetto dei colleghi italiani che svolgono un importante servizio a tutela del Vaticano”. Il secondo aspetto, spiega Giani, è il decoro: “Per volontà del Santo Padre, fin dall’inizio del suo ministero, sono stati allestiti i bagni nuovi, le docce, il barbiere. Dalle suore di Madre Teresa di Calcutta viene offerta ogni sera la cena a un congruo numero di poveri, di senza fissa dimora; le nostre associazioni di volontariato aiutano ogni giorno le persone bisognose… Quindi, mi pare che da questo punto di vista si cerchi di fare il meglio. Però, c’era questa necessità, anche di igiene: bisogna tenere conto dell’igiene. Allora è stato deciso – ed è stata una decisione condivisa tra le superiori autorità, noi, i colleghi della Polizia di Stato, l’Ispettorato Vaticano, il Commissariato Borgo, l’Ama che ha offerto un grande aiuto, il Servizio giardini e i Vigili del Fuoco vaticani – di svolgere questa attività, durante il giorno, lasciando la possibilità a queste persone di dormire durante la notte in quest’area. A tutti è stata data una brochure preparata dalla Comunità di Sant’Egidio nella quale sono indicati tutti i luoghi di accoglienza di Roma, dove chi ha bisogno può presentarsi e può trovare un aiuto”. “Ho letto su un quotidiano i metodi bruschi che sarebbero stati utilizzati dai gendarmi”, prosegue Giani: “Questa è stata una frase che mi ha fatto male, perché io posso assicurare che il rispetto della dignità umana è un altro elemento che ci caratterizza. Se ci sono regole da rispettare, vanno rispettate: questo essere ‘polizia di prossimità’ vuol dire proprio essere vicini alle persone, e questo lo facciamo con la Polizia italiana, sempre, nel modi più opportuni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *