Parrocchia S. Cuore: “Metti in scena il capolavoro della tua vita”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

MONTEPRANDONE –  Un’ avventura bellissima e fuori dal comune ha caratterizzato il camposcuola 2017 della parrocchia Sacro Cuore di Centobuchi .
Quest’anno infatti, è stato di certo un campo diverso dagli altri non solo per lo splendido luogo in cui sono stati, Falcade, in provincia di Belluno, ma anche per il tipo di struttura insolita che li ha ospitati per una settimana.
I ragazzi ,sono riusciti ad adeguarsi alle varie situazioni che si sono presentate .
Per molti è stato sconvolgente  salire per la prima volta sulla funivia della Marmolada dove hanno visitato il museo della prima guerra mondiale .
Belle le altre escursioni fatte come quella del Canale d’Agordo ( paese natio di papa Giovanni Paolo I) e quella del Rifugio Bottari.
Tema di questa esperienza è stato: “Metti in scena il capolavoro della tua vita”.
Non solo momenti di catechesi  ma anche di gioco nel mettere in scena le tecniche clownistiche in cui hanno intrattenuto con i vari sketch gli ospiti dell’hotel.
Il tutto è stato possibile soprattutto grazie agli animatori Samantha con Alessandro, Massimo con Daniela, Marco, Margherita, Daniele e Martina che hanno fatto un lavoro ricercato e professionale mettendo anche a frutto le proprie competenze acquisite anche attraverso i vari corsi che hanno svolto.
Ad arricchire e a dare una nota di colore diversa  è stata anche la presenza dei due clown Trick e Track che hanno coinvolto questi giovani a valorizzare ed esternare i propri talenti con lo spettacolo “Sacro Cuore Circus”.
“Esperienza fuori dal comune in tutti i sensi che si può certamente rifare -ha dichiarato il parroco don Alfonso. -E’ stato bello non solo vedere tutto quest’entusiasmo nei volti di questi ragazzi  nei momenti di divertimento e in quelli di riflessione, ma anche è stato bello vederli salire per la prima volta sul palco ,con un microfono, ad esternare le proprie emozioni.
Il campo è terminato ufficialmente domenica 3 settembre con la messa in parrocchia, alla presenza dei famigliari che,trascinati dall’entusiasmo dei figli,hanno richiesto espressamente di fare un simile percorso, con la speranza che si realizzi a breve . (Paola Travaglini).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *