FOTO Ad un anno dal terremoto: consegnato a Comunanza il “Taxi Sanitario” che offrirà il servizio domiciliare ai bisognosi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

COMUNANZAComunanza, paese della longevità: è quanto é scritto all’arrivo nel paese.
Non è un caso allora la richiesta della comunità di un ‘taxi sanitario’.
Così si legge nel progetto presentato a Caritas Italiana: “oggi con il brutto evento del Sisma, riscontriamo che c’è la necessità di essere ancor più vicini alla nostra gente che fra l’altro ha subito anche la beffa dell’inagibilità dell’unico Ospedale, quello di Amandola.
Per questo abbiamo pensato all’istituzione di un servizio di accompagnamento delle persone disagiate, verso i centri di cura, purtroppo tutti lontani da noi, sia per visite mediche sia per terapie di riabilitazione. Inoltre l’autovettura é necessaria per le visite alle numerose frazioni del comprensorio montano, nonché per il collegamento e accompagnamento dei bisognosi presso la sede diocesana della Caritas ad esempio per poter usufruire del servizio del Poliambulatorio”.
La richiesta si è concretizzata ad un anno dal terremoto.
Don Andrea La Regina, di Caritas italiana, dopo un momento di preghiera guidato dal parroco don Dino Straccia, ha consegnato l’auto invitando a farne un segno della cura e della prossimità agli anziani e ai malati di tutta la comunità Ha fatto anche notare che l’auto è bella e confortevole perché le cose belle non sono solo per i ricchi!
Natalino a nome della Caritas parrocchiale, dell’Associazione Apostoli Della Divina Misericordia e del Centro di solidarietà dei Monti Sibillini Onlus ha ringraziato Caritas italiana, mentre i volontari della delegazione caritas Calabria, Costantino e Chiara, hanno presentato il progetto della costituzione di un centro di ascolto a Comunanza a servizio di tutta la zona che prevede incontri di formazione per la comunità e per i volontari.
Oggi l’ultima serata nella parrocchia di Rotella.

Sabato 26 agosto 2017 ore 21.00 Rotella – Piazza
Preghiera – Proiezione video “Un passo in più” confronto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *