Estate: Coldiretti, sale conto danni, fino al 60% in meno per la raccolta delle mele

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Con l’ultima ondata di caldo in un agosto segnato dalla persistente assenza di precipitazioni adeguate sale il conto dei danni nelle campagne, dove con l’inizio della raccolta delle mele si prevede un calo medio del 23% rispetto a quella della scorsa stagione con punte del 60% in Trentino. Lo afferma la Coldiretti, che evidenzia un calo praticamente per tutte le varietà, dalle Red Delicious (-20%) alle Renetta del Canada (-80%), e una produzione nazionale totale di 1,76 milioni di tonnellate sulla base dei dati Prognosfruit per effetto di gelate primaverili e siccità. Si allunga dunque “la lista delle colture colpite dall’andamento climatico anomalo del 2017, che ha provocato il contenimento produttivo di tutti prodotti base della dieta mediterranea con il raccolto di pomodoro per passate, polpe, concentrati e sughi da conserve che – sottolinea la Coldiretti – è stimato in calo del 12% rispetto allo scorso anno mentre per il grano duro da pasta si prevede una contrazione media attorno al 10%, la vendemmia è ridotta del 25% e la campagna di raccolta delle olive 2017/18 si prospetta una delle peggiori degli ultimi decenni addirittura inferiore all’annata pessima in termini quantitativi dello scorso anno con 182 mila tonnellate, già in calo del 62% rispetto all’annata precedente”. Ma a subire gli effetti sono “anche gli animali perché la siccità – continua la Coldiretti – ha tagliato il foraggio per l’alimentazione del bestiame con prati e pascoli secchi mentre il caldo stressa le mucche che producono fino al 20% di latte in meno, mentre le api hanno sofferto le diffuse gelate primaverili a cui ha fatto seguito il caldo e la siccità con i fiori secchi per la mancanza di acqua ed i violenti temporali estivi con la produzione di miele che è piu’ che dimezzata rispetto alla media, per un totale quest’anno attorno alle 10mila tonnellate, uno dei risultati peggiori della storia dell’apicoltura moderna da almeno 35 anni”. Il risultato è che sono salite a oltre 2 miliardi secondo la Coldiretti “le perdite provocate alle coltivazioni e agli allevamenti da un andamento climatico del 2017 del tutto anomalo che lo classifica tra i primi posti dei più caldi e siccitosi da oltre 200 anni, ma anche segnato da gelate e a macchia di leopardo da violenti nubifragi con grandine, con l’estate che si chiude con una ulteriore ondata di caldo torrido in un mese di agosto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *