Terra Santa: mons. Pizzaballa, “ciò che salverà il cristianesimo sarà il radicamento” nel Signore

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Il Medio Oriente è tutto frammentato, le guerre hanno decimato le popolazioni, la presenza cristiana è ormai ridotta a numeri decimali. In Siria, dove la guerra sembra volgere alla conclusione, la sfida più grande è convincere le persone a ritornare, a rientrare nelle loro case. Ma le prospettive sono incerte, le vite sono da ricostruire, nulla sarà come prima. Ci sono iniziative lodevoli portate avanti dalle chiese locali, dai francescani, dai gesuiti, salesiani. Ma non basta. Molti cristiani attendono di emigrare definitivamente, come testimoniato da tanti giovani iracheni sfollati con i quali ho avuto modo di parlare”. Lo ha detto ieri mons. Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico del Patriarcato latino di Gerusalemme, durante il suo intervento al Meeting di Rimini, sul tema “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo”. Per mons. Pizzaballa “non basta ricostruire, ma serve dare un orientamento. Legare la nostra speranza e il nostro futuro a soluzioni politiche o sociali creerà solo frustrazione – ha aggiunto l’amministratore apostolico, citando le parole di un giovane palestinese da lui incontrato – Ciò che salverà il cristianesimo sarà il radicamento in Cristo. I cristiani sono chiamati ad evangelizzare e a testimoniare il bello, il buono e il vero che c’è nel Vangelo e nella Tradizione, senza lamentarsi per quello che è stato perduto”. “Bisogna essere capaci di un annuncio comprensibile e attraente. Non serve – ha spiegato mons. Pizzaballa – parlare di valori cristiani senza dire che Cristo è ciò che di meglio si può incontrare. Niente muri che separano perché non c’è nulla che non possa essere valorizzato dall’esperienza del Vangelo”. Che è un’esperienza “grande” perché “è desiderio di speranza”. “I nostri padri con questo desiderio hanno costruito cattedrali e fatto tutto ciò che noi vediamo. Ciò che facciamo deve essere caratterizzato dallo stile cristiano con un annuncio e una proposta che troverà espressione nella vita civile, sociale, politica, economica. È il modo cristiano di dire che Cristo si è fatto uomo. Riconoscere la gloria di Dio nel quotidiano. Quello che conta è la trasmissione del desiderio da una generazione all’altra. Fare memoria, dunque”, ha incalzato, “non per nostalgia ma per risvegliare il desiderio. È il modo con il quale i nostri padri hanno testimoniato che si può vivere con slancio, con soddisfazione”. E bisogna trovare i modi per comunicare tale bellezza, “perché l’uomo contemporaneo, inconsapevolmente, sta attendendo tale ‘buona notizia’, che lo rivela a sé stesso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *