FàVolà vola nei luoghi del terremoto insieme a Pinocchio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Presso la Sala Convegni dell’hotel “Progresso” di San Benedetto del Tronto alle ore 12:00 di martedì 22 agosto è stato presentato l’ 8° festival di FàVolà. Presenti i presidenti delle associazioni “I luoghi della scrittura” e “La meraviglia”, Mimmo Minuto e Cinzia Carboni, presenti Letizia Guidi, Domenica Tranquilli, l’avvocato Nobili, l’artista abruzzese Giancarlo Bucci e altri pittori del territorio, presenti inoltre i rappresentanti dei comuni di San Benedetto del Tronto, Amatrice, Arquata del Tronto e Norcia. Non potevano mancare Pinocchio e la sua fata Turchina. Durante la conferenza stampa Minuto ha detto: “ La nostra associazione ha collaborato a questo progetto, ma la mente creatrice è Cinzia Carboni, io la ringrazio per tutta la passione che mette nel suo lavoro. Ringrazio anche tutti i collaboratori, i partner, le amministrazioni e le Regioni Marche, Lazio e Umbria.
Senza la collaborazione non si arriva a realizzare nulla. Pinocchio è un personaggio storico ora legato alla situazione attuale, situazione che in molti paesi del centro Italia è caratterizzata purtroppo dal terremoto”.
Carboni ha invece detto: “ Il festival di FàVolà si è sempre svolto a San Benedetto del Tronto, quest’anno abbiamo voluto portarlo nei luoghi del sisma perché ci siamo accorti che non potevamo fare finta di niente. I bambini lì hanno bisogno di un festival come questo. FàVolà è atteso tutto l’anno dai bambini con entusiasmo. Abbiamo recuperato il personaggio di Pinocchio che è stato il protagonista di FàVolà di quattro anni fa perché esso rappresenta più di quello che sembra. Il festival sarà diviso in due momenti: in una mostra e in eventi collaterali. La mostra vedrà l’approfondimento del racconto di Collodi, un’analisi più approfondita dell’autore, la presenza di Pinocchio nel mondo della televisione, della musica e del cinema. Altri momenti riguarderanno l’animazione, i laboratori, teatro e spettacoli vari. Anche la realizzazione di un quadro/tappeto di fiori caratterizzerà il festival. Non vi nascondo che all’inizio abbiamo avuto difficoltà a reperire fondi affinché si realizzasse FàVolà, poi Sergio Serafini del comune di Amatrice è riuscito a coinvolgere tutti coloro che desideravano in qualche modo aiutare Amatrice e ha deciso di convogliare tutti i fondi sul festival. Lo ringrazio così come ringrazio tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo festival. Importante il contributo anche del comune toscano di Fucecchio, dove la Consulta del Volontariato ha raccolto sei mila euro da destinare a FàVolà. Ringrazio Radio R9 che pubblicizzerà l’evento. Ringrazio tutti i pittori coinvolti e in modo particolare Bucci che ha illustrato la storia di Pinocchio sullo stile di Jacovitti del quale quest’anno ne ricorre il ventennale della morte. A Norcia sarà presente la figlia Silvia, che invece non potrà essere presente ad Amatrice e ad Arquata e per questo ha contattato i suoi cugini che parteciperanno agli eventi in programma in quei luoghi. Ora lascio la parola all’avv. Nobili Garante dei Diritti per la Regione Marche. Nobili ha detto: “Ho patrocinato con piacere e convinzione il festival perché sono contento che vengano organizzati eventi destinati ai bambini. Io sono legato al personaggio di Pinocchio di cui ricordo come fosse ieri il capolavoro di Comencini riguardo proprio questo personaggio delle fiabe. Sono felice che a FàVolà parteciperà anche il protagonista di quel film Andrea Balestri. Sono fortemente legato anche all’artista Jacovitti. Ringrazio tutti gli organizzatori e tutti i collaboratori di questo festival perché non esistono molti eventi nati dalla collaborazione di varie regioni. Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e in questo caso anche la Toscana, anche se non coinvolta negli eventi sismici, hanno unito le loro forze per FàVolà. Questa macroregione ha molto in comune, in qualche modo abbiamo delle affinità e io spero che le collaborazioni continuino anche in futuro. Credo che questo festival sia molto importante per i bambini che hanno vissuto il terremoto e anche molto importante per gli adulti perché rinnova quel senso di appartenenza ad una comunità, ad un territorio. Siamo il cuore dell’Italia. Grazie a tutti”. Domenica Tranquilli ha detto: “Favol’Arte è un evento collaterale, abbiamo riunito artisti di ogni genere affinché potessero con il loro estro realizzare creazioni originali e uniche: quadri, maioliche, tele e quant’altro potesse trasportare nel magico mondo di Pinocchio.

C’è stato un grande entusiasmo e una grande partecipazione alla proposta. Ci sono anche alcuni oggetti religiosi comunque sempre sul tema di Pinocchio. Opere e oggetti saranno messi all’asta e il ricavato verrà destinato alle scuole di Amatrice, Arquata e Norcia in vista della ripresa delle lezioni. Siamo sorpresi di quanti ci hanno contattato per rendersi disponibili ad aiutare questi comuni, ma non sapevano come fare. Grazie a tutti”.

La Guidi ha detto invece: “Io comprendo la delicatezza della situazione, è un evento che ci ha particolarmente colpito. A livello materiale, ma quel che è peggio a livello psicologico. Siamo orgogliosi di aver potuto realizzare il festival in quei luoghi più coinvolti. Ci teniamo a far sentire la nostra vicinanza”. Cinzia Carboni ha aggiunto: “Invitiamo tutti a venire, piangersi addosso non serve a nessuno né a noi né ai cittadini dei comuni danneggiati dal sisma. La partecipazione soltanto è già qualcosa di grande, la presenza è importante, è un grande dono, far vedere che “ci siamo” spesso ha un valore più alto dell’impegno materiale stesso. Quindi vi aspettiamo numerosi”. In seguito hanno preso la parola anche i rappresentanti dei comuni di Amatrice, Arquata del Tronto e Norcia che si sono detti entusiasti della scelta di organizzare FàVolà nei loro comuni e invitano tutti a partecipare perché anche se le cose vanno piano piano migliorando hanno bisogno di aiuti sia materiali che di sostegno psicologico. Hanno aggiunto inoltre che molte persone hanno visitato quei luoghi dopo il sisma e ancora continuano a farlo, dando ognuno a proprio modo una mano a chi ha bisogno mettendo così in rilievo la parte bella dell’Italia. Le associazioni “I luoghi della scrittura” e “La meraviglia” invitano a visitare le pagine facebook di Festival di FàVolà e del gruppo FAVOL’ARTE e il sito www.iluoghidellascrittura.it.

Patrizia Neroni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *