“Rubrica dal Carcere”: Il passeggio nell’ora d’aria, nel piccolo spazio angusto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Il passeggio nell’ora d’aria, nello spazio angusto del carcere. Un passo dopo l’altro, lento, tra grate e cemento. Eppure, dove il grigio e il monotono e l’ineluttabilità del sempre uguale sembrano dominare, nasce un fiore, speranza di rinascita.

Il fiore nella crepa

cadenza di passi contati
in uno spazio ristretto

ora d’aria fatta di cemento
grate e ombre nere
pensieri tristi
sotto un cielo azzurro

il grigio sovrasta l’anima
e una crepa si allarga sul muro
come un infarto

un insetto cammina sul grigio
ruggine di chiodi qua e là
sembrano spari
e un rigo di sangue
esce dalla crepa

come ieri
la stessa cadenza
i passi contati
lo spazio sempre uguale
ma vedo spuntare un fiore
nella crepa
vita che da morte nasce
cancella le ombre
con i suoi colori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *