“Vimante festival” un successo il convegno “Terroir – Prospettive di spumantizzazione del vitigno Passerina”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Giuseppe Mariucci

MONTELPARO – Come anticipato da un nostro servizio da Montelparo la settimana scorsa, sabato 29 luglio alle ore 17.00, nella splendida cornice del largo tra il portale della chiesa di Sant’Agostino e dell’ex convento agostiniano di Montelparo si apriva “Vimante festival” con il convegno “Terroir – Prospettive di spumantizzazione del vitigno Passerina”.
L’interessante evento, ben organizzato dall’associazione “Il Chiostro” di Montelparo con il patrocinio del Comune di Montelparo, il Presidio Slow Food Piceno e dell’Associazione Italiana Sommelier di Fermo e Porto San Giorgio, coordinato da Luca Giacomozzi, montelparese, docente di scienza e cultura dell’alimentazione, voleva promuovere e divulgare l’idea di spumantizzazione del vitigno autoctono Passerina attraverso gli interventi dei vari relatori.
Dopo i saluti del Sindaco di Montelparo Marino Screpanti, dell’Assessore Regionale Fabrizio Cesetti e del Fiduciario del presidio Slow Food Piceno Nelson Gentili, il docente di enologia Luigi Costantini entrava subito nel merito della questione esponendo con semplicità e padronanza le varie metodologie e tecniche di spumantizzazione del vitigno a bacca bianca “Passerina”.
L’intervento riguardante la valorizzazione commerciale dei vini autoctoni piceni e soprattutto della Passerina era poi trattato del presidente del Consorzio di Tutela dei Vini Piceni Giorgio Savini. Entrando nel particolare, riguardo il “terroir”, è intervenuto il geologo Cristian Mostardi. Egli ha parlato delle particolarità geochimiche, geomorfologiche e geologiche della terra madre dei terreni delle aree, dove sono stati impiantati i vitigni della Passerina dando al prodotto finale una chiara unicità.
Dopo la descrizione sul collegamento tra vino e “terroir”, l’enologo Matteo Lupi interveniva spiegando chiaramente le caratteristiche peculiari della Passerina spumantizzata dovute sia ai terreni che alle tecniche di spumantizzazione.
Il concetto di valorizzazione dei prodotti locali veniva fermamente ribadito dalla presidente dell’Associazione “Marchigianamente” Dunia Romoli e come ultimo intervento il docente dell’AIS di Fermo e Porto San Giorgio Stefano Isidori terminava con una chiara ed eloquente spiegazione delle peculiarità organolettiche dei metodi Charmat e Champenoise inserendo anche notizie storiche ed aneddoti.
Alla fine del convegno si è tenuto un laboratorio di degustazione con assaggi di Passerina spumantizzata di diverse tipologie a cura dell’Associazione Italiana Sommelier di Fermo e Porto San Giorgio con la sommelier Stefania Morbidelli guidando i presenti al giusto approccio e aiutando a capire le varie caratteristiche olfattive e sensoriali dei prodotti.
La serata terminava con una spettacolare sciabolata di Passerina spumantizzata eseguita dall’esperto sommelier Stefano Isidori.
Una menzione particolare merita Luca Giacomozzi, docente di scienza e cultura dell’alimentazione, per l’ottima direzione e coordinamento dei lavori e per la puntuale presentazione degli argomenti trattati.
Era evidente, nei presenti, un grande interesse per questo nostro vino autoctono spumantizzato: essi mostravano la curiosità per un vino spumante che, fino a qualche anno fa, non entrava nella tipologia dei prodotti della nostra terra.
Al momento molte aziende viti-vinicole producono la Passerina spumantizzata con risultati molto apprezzabili, e un chiaro messaggio è uscito da questo convegno: il prodotto può essere ulteriormente migliorato e la valorizzazione dei buoni prodotti locali deve essere potenziata.
E’ obbligatorio ricordare, a questo punto, le aziende vitivinicole del territorio che sono state protagoniste in quest’occasione:
-CASALE VITALI (Montelparo)
-CASA VINICOLA GEMINIANI (Montalto delle Marche)
-CENTANNI (Montefiore dell’ Aso)
-DI RUSCIO (Campofilone)
-CANTINA SOCIALE VALDASO (Montalto delle Marche)
-TERRA FAGETO (Pedaso)
Un ringraziamento anche a Cristian Mostardi, relatore del convegno, per la collaborazione nella stesura di questo prezioso servizio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *