Diaconi: da oggi il XXVI convegno nazionale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Prenderà il via oggi nella diocesi di Cefalù (Pa) il XXVI convegno nazionale della Comunità del diaconato in Italia sul tema “Diaconi educati all’accoglienza e al servizio dei malati”.
L’appuntamento, che sarà ospitato fino a sabato 5 agosto presso il centro congressi di Torre Normanna – Altavilla Milicia, è organizzato in collaborazione con l’ufficio nazionale per la Pastorale della salute e la diocesi di Cefalù. A presiedere il convegno sarà il card. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente della Commissione episcopale per il servizio della carità e la salute della Cei. “Il ministero diaconale in Italia – ha scritto il presidente dei diaconi, Enzo Petrolino, in una lettera inviata a Papa Francesco alla vigilia del convegno – si sta realizzando secondo le linee tracciate negli ultimi anni dalla riflessione teologica e pastorale legata ai bisogni delle comunità ecclesiali, che si concretizza in un percorso orientato a favorire tra i diaconi iniziative pastorali di promozione umana attraverso prestazione di servizi ma anche con sostegni economici per realizzare obiettivi di solidarietà sociale rivolti a persone svantaggiate”. “Nelle periferie – ha aggiunto – non solo geografiche, ma soprattutto esistenziali del nostro Paese che, come Lei più volte ci ha indicato, sono particolarmente oggi ambito prioritario di attenzione umana e di premura ecclesiale”. Ad aprire i lavori la relazione di padre Guido Michelini ofm. Nelle giornate successive in programma gli interventi di Petrolino, di mons. Gianrico Ruzza, di don Carmine Arice e di Cettina Militello. Le celebrazioni saranno presiedute dai vescovi Corrado Lorefice e Vincenzo Manzella. Previsto anche l’incontro con mons. Michele Pennisi nella Cattedrale di Monreale. Oltre a proporre la relazione su “Per una diaconia dell’accoglienza”, il card. Montenegro presiederà la celebrazione eucaristica conclusiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *