Monteprandone si appresta ad onorare Sant’Anna, protettrice delle donne in dolce attesa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Paola Travaglini

MONTEPRANDONE – Mercoledì 26 Luglio a Monteprandone si terrà la festa in onore di sant’Anna, Madre della Beata Vergine Maria e protettrice delle donne in dolce attesa.

L’origine della chiesa di S.Anna a Monteprandone è ignota. Il primo documento in cui viene menzionata risale al 1583, quando al Chiesa di S.Maria in Pontellara (così veniva chiamata in principio, probabilmente perché si trova nelle vicinanze di un ponte sulla Salaria) segnava il confine dei beni farfensi nel territorio di Monteprandone:
…a loco vulgo dicto ponte faccalo qui est supra S. Mariam Pontellariam per cannas centum et triginta unam in circa ad mensuram asculanam salva sempre meliori mesuratione…

All’inizio del 1600 la Chiesa viene abbandonata. Grazie alle insistenze dei cittadini della zona, nel 1631 viene ristrutturata e riaperta al culto.
I canonici della chiesa Colleggiata S. Nicolò, per ordine del Vescovo, devono custodire la chiesa e celebrarvi la S. Messa nel giorno della Visitazione di Maria Santissima, cioè il 2 luglio di ogni anno. Inoltre, per iniziativa del preposto Don Plinio Corazza, nell’ottava di Pasqua del 1632, il 18 aprile, viene riaperta al culto in modo solenne; vi parteciperanno tutti i Monteprandonesi in processione…così lunga che il Crocefisso (il principio della processione) si trovava oltre il fosso di Monterone e il Clero non era ancora uscito dalla porta del Paese.
Dopo il 1654, la S. Messa verrà celebrata, oltre che nel giorno di S. Anna, cioè il 26 luglio e con ciò aumenterà talmente la devozione alla Madre Santissima di Maria che col passare degli anni la stessa Chiesa invece di S. Maria in Pontellara verrà chiamata S. Anna.
Proprio in questo periodo, viene concessa l’indulgenza plenaria a chiunque visiti, con le dovute disposizioni, la Chiesa nel giorno della festa di S. Anna.
Nel 1906 la Chiesa viene ristrutturata di nuovo, viene inserita una scalinata in travertino, viene riparato il tetto e viene fornita di tutti gli oggetti liturgici necessari.
La S. Messa domenicale verrà celebrata fino al 1990 e solo in occasione del giorno del Santo Patrono.
Dal 2013, grazie al parroco Don Alfonso Rosati, la Santa Messa verrà celebrata ogni 3 mesi.
La data e gli orari sono indicati ogni volta dal parroco (tratto dal sito www.associazionesantanna.it)

Il programma religioso:
Ore 17.00: Chiesa di Sant’Anna, Santa Messa per le donne in dolce attesa
Ore 18.30: Accoglienza di Sant’Anna presso la parrocchia di San Niccolò
Ore 19.00: Santa Messa presso la parrocchia di San Niccolò
Ore 20.30: Inizio pellegrinaggio dalla Chiesa di San Niccolò
Ore 22.30: Arrivo previsto presso la contrada Sant’Anna di Centobuchi
Ore 22.45: il Vescovo di San Benedetto del Tronto – Ripatransone – Montalto, Mons. Carlo Bresciani presiederà la Santa Messa.
Al termine della funzione sarà offerto un rinfresco a tutti i presenti che saranno allietati anche da uno straordinario spettacolo pirotecnico.

Tutti coloro che non avranno mezzi per raggiungere la chiesa San Niccolò, potranno usufruire del servizio Bus Navetta, messo a disposizione gratuitamente dal Comune di Monteprandone.

Gli orari e le fermate del Servizio Bus Navetta :
ore 19.45 Piazzale antistante la Chiesa Sant’Anna
ore 20.00 Piazza dell’Unità di Centobuchi .
ore 20.10 Parrocchia Regina Pacis
ore 20.20 Piazzale Convento dei Frati.
Al termine dell’evento,previsto per le ore 24.00,i bus riporteranno tutti i partecipanti ,presso le fermate prestabilite, fino al Piazzale Antistante l’hotel San Giacomo.

Di seguito il manifesto con il programma civile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *