Rai Uno: mercoledì 19 luglio speciale “Francesco, il Papa del dialogo” alla viglia del viaggio in Russia del card. Parolin

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Vado in Russia come collaboratore del Papa. Come collaboratore di colui che vuole costruire ponti per far crescere, nel mondo, la capacità di comprendersi, capirsi, dialogare. Per costruire un clima e un ambiente di giustizia e di pace”. È quanto ha dichiarato il card. Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, alla vigilia del viaggio che in agosto lo porterà in Russia, in un’intervista per lo speciale di Rai Vaticano, “Francesco, il Papa del dialogo”, a cura di Massimo Milone, in onda su Rai Uno, mercoledì 19 luglio ore 24.00 (repliche su Rai Storia, domenica 23 luglio, alle 12 e, per l’estero, sui canali di Rai Italia). “Mi lascerò guidare dallo Spirito”, ha rivelato il cardinale che incontrerà anche Putin. “Costruire ponti – spiega – nel caso della Russia, è condividere relazioni bilaterali che già esistono e che toccano l’attività della Chiesa cattolica e il dialogo con la Chiesa ortodossa. Ma non si potrà non affrontare il contesto di attività internazionali dove la Russia ha una più attiva presenza, come il tema del Medio Oriente e della Siria o dell’Ucraina, Paese dove mi sono recato lo scorso anno”. Rispetto alla “attività della diplomazia della Santa Sede che Papa Francesco vuole inserita nella realtà di questo mondo dove c’è il buono e il bello ma c’è anche il male e occorre lavorare, per la pace, la giustizia, lo sviluppo”, secondo Parolin “il Papa cerca di aprire nuovi percorsi di fraternità. Va a toccare il cuore dell’uomo e si scontra anche con cuori che non vogliono aprirsi al messaggio del Vangelo”. Per il segretario di Stato, “dialogo significa incontro, conoscenza, comprensione. Mettersi nei panni dell’altro, comprendere il suo punto di vista. Trovare ambiti di coincidenza e collaborazione”. Nel corso dello speciale verranno ripercorsi i viaggi di Papa Francesco all’insegna del dialogo, con i commenti dello storico Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di sant’Egidio, del direttore di “Limes”, Lucio Caracciolo, del cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze, mons. Sanchez Sorondo, e del card. Beniamino Stella, prefetto della Congregazione del clero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *