Agricoltura: Coldiretti, “tropicalizzazione del clima richiede opere strutturali per raccogliere l’acqua”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Di fronte alla tropicalizzazione del clima servono opere strutturali per raccogliere l’acqua nei momenti più piovosi creando bacini aziendali e utilizzando le ex cave e le casse di espansione dei fiumi. Ma occorrono anche interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque”. È quanto sostiene la Coldiretti, commentando i dati Ucea relativi alla seconda decade del mese relativi a temperature bollenti e siccità nel sud Italia “dove le precipitazioni sono risultate in calo del 40% e le temperature massime superiori di 1,7 gradi la media di riferimento a giugno, mentre i temporali al nord hanno aggravato il conto dei danni senza peraltro scalfire una situazione di grave crisi idrica”. “Gli agricoltori italiani – afferma Coldiretti – sono già impegnati a fare la propria parte per promuovere l’uso razionale dell’acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l’innovazione con colture meno idro-esigenti”. “Non deve essere dimenticato che l’acqua è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli senza i quali è a rischio la sopravvivenza del territorio e la competitività dell’intero settore alimentare”. Proprio per le particolari condizioni climatiche registrate nelle ultime settimane, “il crollo dei raccolti nelle campagne meridionali, dal grano al pomodoro fino alle olive – rileva Coldiretti – mette a rischio gli investimenti avviati per l’annata agraria con una diminuzione del livello occupazionale per il calo delle giornate lavorative offerte dall’agricoltura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *