Diocesi, venerdì scorso l’annuale appuntamento con il GRIS

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

DIOCESI – Venerdì 2 giugno, presso il Biancazzurro di S. Benedetto del Tronto, si è tenuto l’annuale appuntamento con il convegno del G.R.I.S. (Gruppo di Ricerca e Informazione Socio-religiosa) diocesano, giunto ormai all’undicesima edizione. Il tema affrontato in questa occasione è stato “La religiosità popolare – dal bisogno del sacro nella Sacra Scrittura alle superstizioni di oggi”. Dopo l’accoglienza iniziale e l’apertura dei lavori affidate a S. E. Mons. Carlo Bresciani, vescovo diocesano, e un saluto da parte dell’amministrazione comunale sambenedettese per mezzo dell’assessore alle politiche sociali Emanuela Carboni (non va dimenticata infatti la valenza sociale delle attività del G.R.I.S.), il tema è stato introdotto dal presidente del G.R.I.S. diacono Antonio Barra. Quindi il prof. Don Antonio Nepi, docente di Sacre Scritture, Ebraico, Archeologia Biblica, nonché collaboratore di numerose riviste teologiche e di importanti trasmissioni televisive nazionali, ha proposto i suoi studi su “La pietà popolare nella Sacra Scrittura” con notevoli chiarezza e brio. Successivamente ha preso la parola il prof. Don Francesco Mangani, docente di Teologia Dogmatica e Mariologia, incaricato per la pastorale della spiritualità nella diocesi di Ascoli Piceno ed esperto di meditazione, mistica e apparizioni mariane, il quale ha approfondito “La pietà popolare nel Piceno” con grandi sensibilità e competenza. Il seguente dibattito ha appassionato il pubblico presente, il quale ha posto numerose e spesso profonde domande ai relatori, ottenendone sempre risposte esaurienti e argute. Il convegno ha anche ospitato una rappresentanza dell’Associazione Piccolo Mondo Cattolico O.N.L.U.S., ente che si prefigge lo scopo di rendere disponibili gratuitamente, o dietro un libero contributo, pubblicazioni di cultura cattolica sia in ambienti tradizionalmente cristiani che nei nuovi luoghi di aggregazione sociale come i centri commerciali e simili. Ancora una volta, dunque, il G.R.I.S. diocesano si è dimostrato una realtà viva e ben radicata nel tessuto sociale contemporaneo, in grado di porre le più urgenti domande e di fornire le adeguate risposte alle problematiche socio-religiose del mondo di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *