Oggi a Martinsicuro si inaugura la Biblioteca e l’Archivio Storico

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Paola Travaglini

MARTINSICURO – Giovedì 1 giugno, alle ore 20, presso il salone della Musica del Museo delle Armi Antiche  in Via SS.16. n.39 a Martinsicuro, sarà inaugurata la Biblioteca e l’Archivio storico, Fondazione Nino Torquati oltre al Centro Archeologico delle Civiltà Picene. Interverranno l’Avv. Gabriele Rapali, presidente onorario della Fondazione che parlerà della “Storia del Centro Ricerche Storiche Truentum Genesi della Biblioteca”, il dott. Claudio Angeletti della Sovraintendenza ai Beni Culturali che presenterà la sezione Archeologica della Civiltà Picena; il prof. Nicola Coco dell’Università La Sapienza di Roma che relazionerà su un antico manoscritto del 1200 riguardante un trattato di criminologia. La Sintesi Storica del Museo sarà affidata al prof. Francesco Cianciarelli, vicepresidente del museo mentre Nino Torquati chiuderà gli interventi. Non poteva mancare la parte musicale con il concerto di Arie D’Opera Celebri con i soprani Vanessa Santilli, Beatrice Fallocco, Polina Balva, il tenore Giovanni Di Deo e la pianista Sara Torquati. Al termine un conviviale nel giardino del Museo.
L’evento è stato presentato presso il ristorante Burrasca di Villa Rosa, che ha visto oltre alla presenza dei Nino Torquati, del prof. Francesco Cianciarelli, dell’Avv. Rapali e di Sara Torquati anche quello di Pietro Colonnella e del prof. Di Marzio. La biblioteca che nasce nel 1062 è unica del suo genere con circa 8000 volumi tra libri, manoscritti, riviste dal 1200 ai giorni nostri divisa in varie fondi e sezioni: fondo Moderno e sezione ragazzi, fondo manoscritti,
fondo cinquicentine e seicentine, fondo libri antichi, rari e di pregio, fondo antiquariato, numismatica, filatelia e storia naturale, emeroteca ed archivio che presenta materiale prezioso e ricchissimo per effettuare ricerche e studi su determinati aspetti della storia locale. 240 invece, sono i referti archeologici della civiltà picena custoditi nel
nuovo reparto archeologico del muse delle Armi Antiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *