Chiusa la rassegna teatrale 2017 al Pacetti con Menecmi

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Paola Travaglini

Monteprandone – Con Menecmi di Plauto, si chiude la rassegna teatrale 2017 al Pacetti di Monteprandone.
Lo spettacolo, portato in scena dalla compagnia teatrale di Ascoli Piceno “Maschere Vive”,ha riscosso grande interesse e partecipazione da parte del pubblico.
Bravissimi gli attori Emilio F.la Marca (Menecmo I-II),Enzo La Marca (vecchio padre),Pio Vallorani (Spazzola),Giordana Marconi(Erozia),Paolo Luzi (Matrona),Renato Almonti (Messenione),Marco Galié (Kosès) che si sono immedesimati nella parte riportandoci indietro nel tempo.
Molto belle anche le coreografie create da Silvia D’Emilio del Centro studi di Danza Classica di Ascoli Piceno che ha fatto emergere la grazia della danzatrice Rebecca Teodori .
Menecmi è una commedia , movimentata ,divisa in due atti, dove viene affrontato prima lo smarrimento di uno dei due gemelli identici di nome Menecmo con tutte le peripezie che consentono poi ai due di rincontrarsi di nuovo, solo  in età adulta e tornare insieme nella loro patria. Attorno a questa  somiglianza, Plauto costruisce il prototipo della commedia degli equivoci ,dove si alternano situazioni comiche e ambigue.
Al termine della serata ,è intervenuto il Presidente della Uilt (Unione Italiana Libero Teatro)  Quinto Romagnoli che ha dichiarato:
“ Devo fare i complimenti ad Anime sul Palco per il loro lavoro eccezionale, che è quello di riempire il teatro; trovo piacere nel vedere serate così perchè ci invoglia a continuare a fare sempre meglio. Un grazie all’Amministrazione comunale che ci permette già da due tre anni di far esibire le compagnie, dandoci questo spazio ,ma soprattutto un  grazie và all’impegno che mettono gli attori nel portare avanti la loro passione che viene poi ripagata quando, nelle sale trovano, gente che si appassiona. Questo per noi è un grande privilegio perchè ci ripaga  di tutti gli sforzi fatti; senza il teatro non c’è cultura, non c’è vita “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *