Monteprandone: al Pacetti l’esilarante commedia “La Ridiculosa Historia de Pulcinella cornuto immaginario “

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Paola Travaglini

MONTEPRANDONE – Risate ed applausi per l’originale commedia “La riduculosa historia de Pulcinella cornuto immaginario” andata in scena la scorsa domenica al teatro Pacetti di Monteprandone ad opera della compagnia teatrale “Accademia creativa” di Città di Castello .

L’opera ,con la regia di Francesco Faccioli ,riprende “Lo Sganariello cornuto immaginario “ di Molierè.

Bravissimi gli interpreti : Luca Sargenti (Pulcinella),Davide Maringiu (Barbagone ,Capitan Fracassa, Mago),Simona Torroni (Teresina ) ,Mara Briziarelli (Nobile Angelica) e GiovanniBallarani (Nobile Lelio) che ,oltre a calarsi abilmente nella parte, hanno saputo fondersi con il pubblico stesso travolgendolo nelle varie dinamiche divertenti che hanno tenuto viva l’attenzione in sala fino alla fine.

Lo spettacolo inizia con Pulcinella che vuole fuggire dalla compagnia perchè non vuole interpretare la parte del cornuto. Gli “attori” cercano di riportare l’ordine dando vita ad un’interpretazione basata sull’improvvisazione con il pubblico, fino alla reale partenza .

Angelica ,è stata promessa in sposa dal padre Barbagone, al ricchissimo Valerio .

Essa però, è innamorata di Lelio, al quale era stata precedentemente promessa .

In un momento di distrazione, Angelica, perde il medaglione d’oro raffigurante il volto dell’amato, che viene trovato successivamente da Teresina moglie di Pulcinella.

Da questo momento in poi inizia una serie di equivoci, che fanno credere a Pulcinella di essere stato tradito dalla moglie con Lelio e a Teresina che Angelica sia l’amante di suo marito.

Tanti gli eventi comici che travolgono Pulcinella e lo portano al cospetto del Mago Prospero e alla ricerca del Capitan Fracassa fino al chiarimento di tutti i dubbi e alla comparsa di Valerio che, viene scelto nel pubblico, dallo stesso Pulcinella.

Lo spettatore entra così nella parte attiva della rappresentazione come è lo scopo stesso delle rappresentazioni delle commedie dell’arte .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *