“Nati per la musica”, il laboratorio del Consorzio musicale ‘Antonio Vivaldi’ di San Benedetto del Tronto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

di Lara Facchini

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non è semplice coniugare dolcezza, decisione, esperienza, sapere. Trovare tutte queste doti in una insegnante sola è rarità, trovarla in tutti i maestri di un istituto è unicità. Al Consorzio musicale ‘Antonio Vivaldi’ i professori di musica sorprendono per la loro dolcezza e la loro fermezza, e anche per il grande talento di trasmettere la passione per la musica già dal pancione.

‘Nati per la Musica’, il laboratorio che è arrivato alla sua conclusione stagionale sabato 13 maggio e che riprenderà ad ottobre, è un progetto pensato proprio per le mamme in attesa dal sesto mese fino ad arrivare al terzo anno di età. Laboratorio completamente gratuito e a numero chiuso.

Le prenotazioni per i 45 posti disponibili si esauriscono in meno di un’ora, e la possibilità di partecipare è data a chiunque, basta seguire la pagina facebook ‘Nati per la Musica San Benedetto del Tronto’ e appena esce la locandina contattare la maestra Emanuela Marcattili.

La docente Marcattili, Gran Pavese Rossoblù, è insegnante di propedeutica insieme alla professoressa di pianoforte Mariacristina Vallese, che le Mamme e i bambini hanno avuto il piacere di ascoltare nei momenti di musica dal vivo, insieme al violinista Paolo Incicco e ai flautisti Paolo Puca e Giampaolo Corradetti.

Sabato al ‘Vivaldi’ si è svolto l’incontro conclusico, a cui hanno partecipato la pediatra Aurora Bottiglieri, referente nati per la Musica e nati per Leggere, e la dottoressa Rita Tancredi, Pedagogista e responsabile dei Nidi Comunali cittadini.

La Coordinatrice Didattica dell’Istituto Vivaldi, Daniela Tremaroli, grande violoncellista, è entusiasta: «Siamo stati i primi nelle Marche ad attivare Nati per Musica. Siamo orgogliosi, perché il progetto, iniziato nel 2015, ha riscosso molto successo. Speriamo, con l’appoggio dell’Amministrazione Comunale, che in ottobri riprendano i laboratori. Ci tengo a fare un grandissimo ringraziamento alle docenti di propedeutica Emanuela Marcattili e Mariacristina Vallese, alla pediatra referente di NpM Dssa Aurora Bottiglieri e all’Amministrazione Comunale che ci mostra sempre la loro grande vicinanza, rappresentata per l’occasione dalla Dssa Rita Tancredi, Pedagogista e responsabile dei Nidi Comunali cittadini. Ci tengo a precisare che l’Istituto ‘Vivaldi’ non è una scuola di musica privata, ma è la civica della città, e da Consorzio di Comune e Provincia sta diventando istituzione comunale».

Non possono mancare i ringraziamenti della professoressa Marcattili: «Voglio ringraziare tutte le mamme e i bambini che hanno preso parte a questa esperienza bellissima con me, che mi ha dato molto professionalmente e umanamente. Il progetto vede la partecipazione gratuita di alcune persone che collaborano donando il loro tempo, la loro disponibilità e la loro competenza. Ringrazio l’Amministrazione Comunale che ci ha permesso di realizzare tutto questo, senza di loro il ‘Vivaldi’, in quanto istituzione comunale, non potrebbe sostenere e promuovere questi laboratori. Ringrazio il liquidatore Antonio Rosati, l’ostetrica Marta Rosati che ci ha accompagnato in questi laboratori, Lidia Pignati che segue la nostra pagina facebook, la dssa Bottiglieri e la nostra colonna Daniela Tremaroli».

Per conoscere la realtà del ‘Vivaldi’ la cittadinanza è invitata domenica 21 maggio alle ore 18 presso il teatro Concordia per il saggio finale degli alunni di propedeutica ‘Una musica… da favola’.

Molti sono scettici a riguardo, si domandano e domandano come possono così piccoli capirne di musica, ma porterò la mia esperienza personale.

Mi chiamo Lara, ho 36 anni, faccio la Giornalista, ma prima di tutto faccio la Mamma di due splendidi bambini. Ascolto la Musica fin da quando ero nel pancione di mia madre, grazie a mio fratello che all’epoca era studente al Conservatorio ‘Rossini’ di Pesaro, dove si è diplomato in violino: suona anche il pianoforte, la fisarmonica e altri strumenti. La mia vita è sempre stata in mezzo alla musica, e me la cavo con il pianoforte, ma la mia passione è il violino, mi rilassa, mi emoziona, perché è il suono a me più familiare. Ho voluto fortemente che il mio primogenito frequentasse la propedeutica al ‘Vivaldi’ e la mia gioia è stata immensa quando mi ha detto che gli piacevano tantissimo le maestre e gli strumentini, va a lezione con piacere, non vede l’ora ogni volta di andare. Mio figlio è prematuro, nato un mese e mezzo prima, e sarebbe stato bello poter partecipare ai laboratori ‘Nati per la Musica’ insieme a lui, ma non è stato possibile, perché il ‘Vivaldi’ ha aderito nel 2015. Non ho esitato però nel parteciparvi con il piccolo, che è reattivo, gioca con gli strumentini, riconosce le canzoni che ascoltiamo anche grazie al fratello maggiore.

Ci tengo a ringraziare personalmente la Coordinatrice Daniela Tremaroli e le maestre Emanuela Marcattili e Mariacristina Vallese, persone splendide, di una dolcezza infinita e spiazzante, ma che sanno farsi rispettare dai bambini e sanno farsi amare da loro e dai genitori e invito i genitori  ad avvicinarsi con i loro figli alla musica, perché la musica è un dono grandissimo che ci ha fatto Dio.

One thought on ““Nati per la musica”, il laboratorio del Consorzio musicale ‘Antonio Vivaldi’ di San Benedetto del Tronto

  • 16 maggio 2017 at 09:40
    Permalink

    Bellissima iniziativa,tutti i comuni dovrebbero attivarla

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *