Stop alle violazioni dei diritti civili in Myanmar

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Il Myanmar , ex Birmania, sta cercando faticosamente il suo percorso per la democrazia.

Il Cardinale Charles Maung Bo, arcivescovo di Yaungon in Myanmar. Dopo aver ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito nel 1948, il paese è stato governato da una dittatura militare in seguito ad un colpo di stato nel 1962.Oppositori politici sono stati scarcerati dopo che il governo militare ha instaurato un governo civile , tra i quali la leader Aung San Suu Kyi .Tuttavia i conflitti armati si susseguono e le Nazioni Unite riferiscono di violazioni e vilenze soprattutto nei confronti delle minoranze etniche. Serve l’attenzione vigile della comunità Internazionale che operi a fianco del governo chiamato a costruire una nazione dove i diritti inviolabili della persona siano veramente tali; per questo la Chiesa birmana ha dichiarato il 2017 Anno della pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *