Tv2000: a partire da martedì 9 sei storie in prima serata per “Il cinema del coraggio”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“Il cinema del coraggio” è il ciclo di film di Tv2000 in prima serata ogni martedì alle 21.05. Ad inaugurare la rassegna, il 9 maggio, sarà “I cento passi”, pluripremiato film del 2000, di Marco Tullio Giordana, nel quale Luigi Lo Cascio interpreta Peppino Impastato, il giovane siciliano che a Cinisi, un piccolo paese della Sicilia, ha combattuto la mafia ed è stato ritrovato morto il 9 maggio 1978. “Rosenstrasse”, film di Margarethe von Trotta del 2003 che verrà trasmesso il 16 maggio, è anche il nome di una strada di Berlino dove nel 1943 centinaia di donne ariane manifestarono, protestando contro la deportazione dei loro mariti ebrei e riuscendo a farli liberare. Il 23 maggio sarà la volta di “Una notte senza fine”, film di Joan Silver del 1996, storia del rabbino Heller che nonostante le atrocità dai nazisti combatte per mantenere la propria posizione pacifista e moderata. Una serie di eventi però interverrà a far vacillare la propria fede: la figlia verrà violentata da un capitano nazista ed il figlio abbraccerà la religione delle armi unendosi ai militanti. “Giovanna d’Arco”, diretto nel 1948 da Victor Fleming e interpretato da Ingrid Bergman, verrà trasmesso il 30 maggio. Il 6 giugno sarà il turno de “Il colore del coraggio”. Film canadese del 1999 di Lee Rose incentrato sulla controversa amicizia tra una donna bianca e una di colore, racconta un dramma potente capace di cogliere allo stesso tempo sia l’importanza dell’amicizia sia la riprovevoli conseguenze del razzismo.A chiudere il ciclo, il 13 giugno, “Il mio piede sinistro” di Jim Sheridan (1989) che racconta la vicenda di Christy Brown, vittima appena nato di una paralisi che gli impedisce di parlare e di muoversi ma che con il trascorrere degli anni sorprende i familiari per i suoi tentativi di comunicare con il piede sinistro, tramite il quale riesce a scrivere alcune parole e a dipingere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *