Papa Francesco: ai Fratelli maristi, “il terreno che lavorate e modellate è sacro”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

“La società oggi ha bisogno di persone solide nei loro principi che diano testimonianza di quello in cui credono e così costruire un mondo migliore per tutti”.
È quanto scrive Papa Francesco nel messaggio al superiore generale dei Fratelli maristi, fratel Emili Turú, in occasione del bicentenario della fondazione della Congregazione durante il quale sarà celebrato, a settembre in Colombia, il XXII Capitolo generale. “Questi due secoli di vita – osserva il Papa – sono diventati una grande storia di dedizione a favore di bambini e di giovani che voi avete accolto nei cinque continenti e che voi avete formato per farli diventare onesti cittadini e soprattutto buoni cristiani”. “Compito dell’educatore è una dedizione costante che richiede sacrificio”, aggiunge Francesco, rilevando che “tuttavia l’educazione è una questione di cuore e questo la rende differente e sublime”. “Essere chiamati a coltivare esige, prima di tutto, coltivare se stessi. Il religioso educatore deve coltivare il suo campo interiore, le sue riserve umane e spirituali, per uscire a seminare e coltivare il terreno che gli è stato affidato”, prosegue il Papa. “Dovete essere coscienti che il terreno che lavorate e modellate è ‘sacro’, vedendo in esso l’amore e l’impronta di Dio”, sottolinea Francesco. “Con dedizione ed impegno, fedeli alla missione ricevuta, contribuirete all’opera di Dio che vi chiama ad essere semplici strumenti nelle sue mani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *