Don Costa “l’interesse per l’editoria religiosa è notevole”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

La Libreria editrice vaticana partecipa al Salone “Tempo di Libri” in programma a Milano da oggi al 23 aprile. Il concept dello stand della Lev si inserisce nell’ambito della prima edizione del Salone, che quest’anno propone come primo tema “l’alfabeto” (alfabeti di lettere, di numeri, di simboli e di gure, di gesti). L’allestimento, curato da Alessandra Coppa, Andrea Lancellotti e Sabina Antonini, si presenta composto da pochi elementi simbolici: un cubo posizionato al centro dello stand su un pavimento in resina color oro definisce una spazialità funzionale con una particolare attenzione per la tecnologia. Completa l’allestimento una mostra di Giovanni Chiaramonte dal titolo “Vivere in cammino” dedicata ai tweet del Papa che è possibile consultare online. Disponibile anche il nuovo catalogo 2017 della Lev con foto e copertine. “È uno stand luminoso, bianco e moderno. Diverso dai soliti”, spiega il direttore don Giuseppe Costa: “Ci sono tante scolaresche e l’interesse per l’editoria religiosa è notevole, a discapito dei luoghi comuni. La presenza della Lev a Milano è l’occasione per far conoscere sempre di più il magistero del Papa e la ricchezza culturale del cattolicesimo, in un’ottica di evangelizzazione al passo con i tempi”.

L’Editrice vaticana propone oltre 500 titoli del catalogo più recente con particolare attenzione a Papa Francesco, del quale vengono esposti tutti i libri pubblicati fino al volume dedicato alla visita a Milano. Tra le altre opere, gli scritti del papa emerito Benedetto XVI e numerosi testi dedicati alla Sacra Scrittura e alla Teologia. In programma anche due eventi: venerdì 21 aprile, alle ore 18, un incontro sul “Dizionario della Bibbia” di Giuliano Vigini durante il quale l’autore dialogherà con mons. Fortunato Frezza; sabato 22 aprile, invece, è previsto il “Girotondo in cucina” con lo chef Filippo La Mantia e alcune letture a cura dell’attrice Maria Carla Aldisio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *