Cossignano, la scuola e la formazione sulle erbe spontanee

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

COSSIGNANO – Con un progetto sulle erbe spontanee, si conferma la sensibilità del nostro territorio, in particolar modo dei nostri alunni, alle problematiche ambientali.
Nel corso degli ultimi anni i bambini della Scuola di Cossignano si sono impegnati in svariate iniziative, come l’orto scolastico, la messa a dimora di alberi, la semina di piante aromatiche e il gruppo docente con il supporto della dirigenza scolastica, oltre alla costante collaborazione dell’Amministrazione comunale, hanno sempre sostenuto ed incentivato progetti sulla biodiversità.
In questo anno scolastico, sebbene gli eventi sismici abbiano profondamente toccato la comunità locale, i bambini hanno avuto comunque la possibilità di continuare in sicurezza le lezioni nel plesso scolastico – che non ha riportato alcun danno – e hanno proseguito l’approfondimento di tematiche ambientali e la scoperta della natura, anzi ri-scoprendo nuove opportunità con una progettualità volta a valorizzare ulteriormente l’ambiente locale.
Gli alunni della scuola primaria, seguiti dai docenti, hanno concretizzato un progetto promosso dalla Fondazione BCC “Crescere nella cooperazione”, realizzando un percorso di scoperta e di utilizzo delle erbe spontanee.
I bambini che, nell’occasione hanno sperimentato la creazione e la gestione di una cooperativa, sono stati entusiasti del lavoro svolto e riferiscono che: “Siamo abituati a comprare cibo soltanto sugli scaffali dei supermercati, eppure esistono tantissimi altri alimenti messi a nostra disposizione dalla natura, sani e a portata di mano: tra questi, le erbe spontanee commestibili che troviamo nel meraviglioso ambiente che circonda il nostro paese, che ancora oggi le nostre nonne continuano a raccogliere, senza la nostra minima considerazione”.
L’esperienza sulle erbe spontanee ha permesso di conoscere tradizioni orali e pratiche, quasi perse, e di poter ri-conoscere le più semplici erbe spontanee per ricordare gusti e sapori di un tempo. Con l’aiuto dei nonni sono state insegnate le modalità di pulizia e di uso culinario delle erbe raccolte, risvegliando in tutti i partecipanti la curiosità e il desiderio di riscoprire le tradizioni della nostra terra. Con la collaborazione del Comune di Cossignano e della Pro Loco Cossinea, gli alunni hanno avuto la possibilità di partecipare al laboratorio sensoriale svolto in classe ed all’uscita didattica realizzati con i docenti dell’Associazione “Chi mangia la foglia!” ovvero la dott.ssa Paola Palmieri (Etnobot), Lino Santoni e il Presidente Noris Rocchi.
Quella delle erbe spontanee risulta, difatti, una conoscenza popolare che si tramanda da millenni, di generazione in generazione, ma che il consumismo e la velocità dello scorrere del tempo interrompe giorno dopo giorno. La terra in cui viviamo ci offre, senza spesa, la possibilità di recuperare tutto questo: la possibilità di divertirsi all’aria aperta, di apprezzare i colori delle stagioni e di mangiare sano.
Tutte le attività e le conoscenze sono state raccolte in un libro, scritto dai bambini, sulle dodici erbe edibili che si possono facilmente individuare nei nostri campi: la cicoria, il rapacciolo, la pimpinella, l’ortica, il tarassaco, la malva, l’aneto, la sulla, la borragine, la calendula, il crispigno e la menta.
La scuola, grazie al meritevole lavoro dei docenti e degli alunni coinvolti, presenterà il libro “Cossignano e le sue erbe spontanee” il giorno Giovedì 20 Aprile 2017, alle ore 20.45, nella Chiesa dell’Annunziata. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare all’evento, per riscoprire nell’entusiasmo dei bambini un rinnovato interesse verso la natura, ricordando sempre di rispettarla ed ammirarla anche per la sua utilità. Nel corso dell’evento l’Associazione “Chi mangia la foglia!” rilascerà alla scuola l’attestato di partecipazione al Circuito delle Erbe Spontanee 2017. Parteciperanno all’iniziativa il Sindaco Roberto De Angelis e il Dirigente Scolastico dell’ISC di Ripatransone e Cupra Marittima Gaia Gentili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *