50 anni di Matrimonio per Giuseppe e Francesca, tanti auguri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Patrizia Neroni

ACQUAVIVA PICENA – Giovedì 6 aprile nella chiesa di san Niccolò di Acquaviva Picena Giuseppe Novelli e Francesca Cameli hanno festeggiato cinquant’anni di matrimonio. Giuseppe, conosciuto da tutti come “Pippo” e Francesca per questa lieta ricorrenza hanno innanzitutto voluto ringraziare il Signore per essere stato sempre al loro fianco. Alla santa Messa celebrata dal parroco don Alfredo erano presenti insieme agli sposi anche i loro due figli Giacomo e Marinella, i nipoti e i parenti.
Giuseppe e Francesca si sono uniti nel Sacramento del matrimonio il 6 aprile del 1967 proprio in san Niccolò. Gli sposi hanno detto: “Cinquant’anni fa non avevamo gli acciacchi che abbiamo ora, ma il nostro amore è immutato, ci vogliamo bene come cinquant’anni fa”.  Una coppia di sposi che ha tanto da insegnare alle famiglie di oggi, esempio di vero amore e fedeltà, di complicità e fiducia, di tenerezza e dedizione l’uno per l’altra, di sostegno reciproco e rispetto, di spirito di sacrificio e comprensione. I figli li hanno descritti: “Papà è più docile, mite, calmo e sensibile, mamma invece ha un carattere più forte, tenace ed energico, ma entrambi socievoli, accoglienti e disposti a dare una mano a chiunque ne avesse bisogno. Ci hanno insegnato il grande valore della famiglia, ci hanno sempre aiutato, sapevamo che qualunque cosa succedesse, qualunque scelta avessimo intrapreso sarebbero rimasti al nostro fianco. Sono stati due grandi lavoratori e per non far mancare niente alla famiglia si sono rimboccati le maniche e svolto tante mansioni, per citarne solo alcune, papà è stato agricoltore, vigile, custode della palestra e del campo sportivo comunale, collaboratore in comune; mamma si dedicava alla famiglia ed era anch’essa agricoltrice, nonostante tutto trovava il tempo per lavorare in hotel. Noi vogliamo ringraziarli di tutto, ma parole tante adatte non le abbiamo per esprimere ciò che abbiamo nel cuore”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *