Ancoraonline.it aderisce a “La domenica libera dal lavoro”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

lavoroREDAZIONE – Abbiamo deciso di non uscire la domenica per aderire alle parole di Papa Francesco che a Campobasso lancio l’appello “La domenica libera dal lavoro”.

Non perchè sia un problema, anzi tutte le notizie non date la domenica le troverete il lunedì. Vogliamo essere soltanto testimoni e lanciare un segnale diverso.

“Forse è giunto il momento di domandarci se quella di lavorare alla domenica è una vera libertà”. Parole forti, quelle del Papa, che nel suo discorso in Molise ha affrontato anche la “questione della domenica lavorativa, che “non interessa solo i credenti ma interessa tutti, come scelta etica”. “La domanda è: a che cosa vogliamo dare priorità?”, ha detto il Papa. “La domenica libera dal lavoro, eccettuati i servizi necessari – ha spiegato Francesco – sta ad affermare che la priorità non è all’economico, ma all’umano, al gratuito alle relazioni non commerciali ma familiari, amicali, per i credenti alla relazione con Dio e con la comunità”. “La domenica è lo spazio della gratuità”, ha rimarcato il Papa. “Forse è giunto il momento di domandarci se quella di lavorare alla domenica è una vera libertà”, ha concluso: “Perché Dio è il Dio delle sorprese, che rompe gli schemi – ha poi aggiunto a braccio – è un Dio che va sorpreso, perché noi diventiamo più liberi. È il Dio della libertà”.

2 thoughts on “Ancoraonline.it aderisce a “La domenica libera dal lavoro”

  • 9 novembre 2014 at 15:46
    Permalink

    Mi fa immensamente piacere e mi incoraggia a riconquistare la sacralità della domenica.

    Reply
  • 10 maggio 2015 at 12:45
    Permalink

    oramai siamo diventati gli schiavi della domenica senza un giorno di riposo solo per lo shoping di persone che alla domenica solo per girare in questi supermercati per comprale delle sciocchezze e noi che vorrommo stare in famiglia con i nostri cari siamo obbligati a lavorare spero che riguardino questa cosa perche anche noi siamo stanchi

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *