Benedizione per gli atleti della Roller Green

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Paola Travaglini

MONTEPRANDONE – Non poteva mancare per gli atleti della Roller Green punto di riferimento per il pattinaggio corsa nella Vallata del Tronto con scuole di pattinaggio a Monteprandone, Monsampolo, Spinetoli, la tradizionale benedizione di inizio anno agonistico che prenderà il via domenica prossima, 19 marzo a San Benedetto con i campionati provinciali.

Ad impartirla e celebrare la messa, Don Alfonso Rosati parroco della comunità del S.Cuore di Centobuchi e padre spirituale della società, che ha augurato a tutti gli agonisti una stagione ricca di soddisfazioni nello spirito della sana competizone, del rispetto delle regole, di sé stessi e degli avversari.

Presenti il presidente Giovanni Anselmi, gli allenatori Claudio Naselli e Benedetto Ricci e tutti gli atleti : gloria e Samuele Angelini, Andrea e Gaia Di Paola, Gulmara Luciani, Giosuè Neve, Michele Panichi, Alessandro Tritto, Flavia Balena, Riccardo Iacoponi, Giorgia Campitelli, Beatrice Fausti, Anais Pedroni, Chiara Giacoboni, Ludovica Calvaresi, Agnese Cameli, Giorgia Placidi, Giuseppe Volpicella.

“Più del risultato – ha detto Don Alfonso- conta il modo in cui lo si raggiunge. Scegliere le strade più brevi non dà le stesse soddisfazioni di ciò che si raggiunge attraverso il sacrificio.

Non è importante ciò che facciamo, ma come lo facciamo.chi non conosce lo sport, quello praticato, è forse portato a considerare quest’attività solo un passatempo, poco utile al proprio avvenire

Lo sport, non è solo un semplice passatempo, un’attività ristoratrice, ma anche un mezzo di crescita. Lo sport sano, quello non malato di competizione e protagonismo è l’attività educativa per eccellenza, che permette di raggiungere la maturità con leggerezza e piacere.

Vivete lo sport non come un obbligo, un impegno in più di quelli imposti dalla società, un’attività non più spensierata e finalizzata esclusivamente alla competizione e alla prestazione, ma come un grande strumento educativo. Forse non sarete vincitori ma sicuramente sarete dei vincenti”.

Al termine la tradizionale foro di gruppo ed una conviviale al Cocò Caffè, vicino all’associazione sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *