“Nuovi Rosari Lauretani” a vincere il concorso il progetto degli architetti Monica Pomili, Valeria Petrelli e Elena Catinari

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

LORETO – Ieri si è concluso a Loreto dopo tre anni di lavoro, il progetto DCE “Cammini Lauretani”, con una bella iniziativa dedicata al contributo innovativo che i giovani possono offrire allo sviluppo dell’impresa marchigiana, ed in particolare dell’artigianato di culto religioso.

La giornata si è svolta con un fittissimo programma sviluppato in quattro momenti: : il Convegno, la Premiazione del Concorso di Idee, la Lectio Magistralis di Vittorio Sgarbi ed infine il vernissage della Mostra dal titolo, “Il Rosario Mariano lauretano. Tra Saper Fare ed Innovazione”, rimarrà aperta fino al 1 Maggio nel Bastioni di Sangallo con i Prototipi dei nuovi rosari lauretani, progettati ad hoc dai giovani e della imprese, sono proposti in apposite teche di vetro gli Antichi Rosari, gentilmente resi disponibili dall’archivio della delegazione Pontificia della Santa Casa di Loreto, i rosari del Premio “la Corona del Rosario” del 2006.

A vincere il primo premio per la Categoria Artigianale-seriale è stato il progetto “Passo dopo passo” Costruisci il tuo cammino degli architetti Pomili Monica, Valeria Petrelli, Elena Catinari.

Il progetto nasce dall’idea di unire la preghiera con l’esperienza vissuta del cammino lauretano. Le parole chiave sono state: “spiritualità, territorio, artigianato, unicità”-  commentano Monica, Valeria e Elena – ci siamo immedesimate nel pellegrino e abbiamo immaginato di percorrere il cammino passo dopo passo costruendoci il nostro rosario” di fatti il kit propone: una corda di cotone cerato, 53 grani piatti di legno, dove con una semplice bic si potrà incidere la parola che più ha rappresentato quel tratto di strada, 6 ovali sui quali andranno incollate le tappe, i luoghi del territorio percorsi durante il cammino in modo da non dimenticarci mai delle bellezze architettoniche, paesaggistiche che la nostra terra ci offre ed infine due ovali dove è presente la Croce, l’effige della Madonna di Loreto e lo stemma dei cammini lauretani.

Il prototipo è stato realizzato dallo scultore e orafo Pietro Angelini di Ascoli Piceno che nel corso della sua attività ha vinto dei premi con le sue originali creazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *