San Benedetto, convegno: Terremoto, i “dati aperti” per una ricostruzione trasparente

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In occasione dell’Open Data Day, ActionAid Italia, Associazione culturale “I Care”, OnData e Cittadinanzattiva con il patrocinio del Comune di San Benedetto del Tronto organizzano per sabato 4 marzo, con inizio alle ore 15.30, all’auditorium comunale, un evento per discutere di dati aperti e protagonismo dei cittadini nella ricostruzione post-sisma.

Il tema dell’incontro è infatti quello dei “dati aperti” come strumento nelle mani dei cittadini per essere protagonisti della ricostruzione delle zone del Centro Italia colpite dal sisma e favorire la collaborazione con le istituzioni per un processo trasparente e condiviso. Obiettivo dell’Open Data Day è quello di mobilitare persone, organizzazioni e istituzioni per mostrare i vantaggi degli Open Data e incoraggiarne l’utilizzo nelle istituzioni, nel mondo delle imprese e delle aziende e nella società civile.

Dopo i saluti del Sindaco di San Benedetto del Tronto Pasqualino Piunti, con Ettore Di Cesare di “Open Polis” e Mauro Cecchi, Responsabile ICT del comune di San Benedetto, si andrà alla scoperta degli Open Data, cosa sono e come possono essere impiegati nella Pubblica Amministrazione. A seguire, Roberto Aloisio del Gran Sasso Science Institute (GSSI) illustrerà la piattaforma “Open Data Ricostruzione”, nata per monitorare l’impiego dei fondi stanziati per il terremoto dell’Aquila.

Verrà presentato, infine, il progetto “Ricostruzione Trasparente”, portato avanti da “OnData” in collaborazione con ActionAid Italia che, attraverso la costruzione di una piattaforma online che raccoglie i dati aperti pubblicati da vari enti e istituzioni, mira a monitorare i fondi destinati alla ricostruzione post-sisma del centro Italia, coinvolgendo in prima persona cittadini del territorio interessato.

Tra le testimonianze, il comitato “Con Arquata per Arquata”, il gruppo di ragazzi di “Chiedi Alla Polvere” – costituitosi a seguito della scossa del 24 agosto – e Giancarla Perotti, responsabile del progetto del MIUR “A scuola di Opencoesione” dell’Istituto Alberghiero “F. Buscemi” di San Benedetto Del Tronto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *