Terremoto e nevicate,  76 mila beni artistici, librari ed archivistici salvati tra Marche ed Abruzzo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page


Di Tamara Ciarrocchi

REGIONE – Oltre 76.000 i beni recuperati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio culturale di Ancona, TPC, nei territori martoriati dalle scosse che si alternano nel centro Italia dal 24 agosto dello scorso anno e dalle eccezionali nevicate del mese scorso. Tra  le oltre 6000 opere di pregio ed i 70 mila  beni archivistici e librari si stratta di  un enorme patrimonio culturale quello salvato in questi mesi  dal nucleo operativo nelle due regioni di Marche ed Abruzzo che ha sede ad Ancona.
L’equipe specializzata lavora in stretta sinergia con altre squadre e gruppi operativi di esperti ed ognuna con competenze diverse per la tutela del bene da salvare. Tutte le operazioni,  infatti, vengono portate a termine,  oltre che dal Nucleo specializzato dei Carabinieri Tpc, impegnati per la piena sicurezza degli interventi ed il trasporto dei beni, anche grazie alla sinergia con i funzionari del ministero dei beni culturali, con  la squadra dei vigili del fuoco che si occupa della sicurezza dei contenitori in cui si va ad intervenire e con i funzionari responsabili degli uffici beni culturali incaricati dalle varie diocesi. Incaricati chiamati in quanto aggiornati sia sui beni da salvare, sia informati sulla parte logistica (contatti con i parroci, chiavi dei luoghi da visitare ).  In alcuni casi come nell’Ascolano sono intervenuti anche i volontari del gruppo Alpini.  Nel corso di molte operazioni sono intervenuti inoltre, sia i Caschi Blu della Cultura dei carabinieri che operano sia caso di in calamità naturali sul territorio italiano che fuori sotto l’egida dell’Onu  che ì battaglioni mobili di Bari e Bologna. Quanta storia che passa sotto i loro occhi oggi gelosamente custodita in appositi locali dedicati, ognuno per ogni diocesi. Dal candelabro, alle opere più preziose, tutti beni da maneggiare con cura attraverso questa una task-force che si avvale di professionisti del mondo dell’arte e degli uomini dell’Arma.  Ultimo intervento da parte dell’unità di crisi regionale quello di  oggi a Castel Raimondo nella frazione di Brontoleto con il recupero di beni d’arte nel complesso di an Lorenzo, in provincia di Macerata, grazie alla collaborazione intercorsa tra carabinieri e vigili del fuoco: una pala d’altare raffigurante la vergine con Bambino, San Lorenzo Martire e San Giovanni Battista.

Venerdì nell’Ascolano, nella chiesa di San Francesco a Borgo di Arquata, di proprietà Comune,  sono stati recuperati altri beni dopo che il terremoto e la neve caduta a gennaio in quantità straordinaria, avevano causato il crollo del tetto e del soffitto ligneo a cassettoni decorati a rilievo. In questo caso sono state tratte in salvo tele settecentesche, tra cui una raffigurante San Carlo Borromeo e due tele di un metro e mezzo per 90 centimetri: una Madonna con bambino, la prima, e due donne che stendono la Sacra Sindone, la seconda. La stessa chiesa in cui fu recuperata poco dopo la scossa del 24 agosto la copia della sindone a cui tengono tanto gli arquatani ed oggi custodita nel duomo di Ascoli.

I carabinieri sono in piena attività per il salvataggio dei beni già dal 27 agosto, terminata la prima fase della ricerca dispersi sono subito partite le operazioni per il salvataggio delle opere. Il primo intervento avvenne nella chiesa di Santa Croce nella frazione di Pescara del Tronto con il recupero di una croce astile risalente all’anno 1000, croci che ebbero duplice funzione e significato: il primo naturalmente liturgico, essendo utilizzate per finalità processionali, il secondo, di valenza civile, in quanto simbolo dell’appartenenza ad una comunità. A novembre recuperata una preziosa campanella risalente al 1200 realizzata in concomitanza con la morte di San Francesco. Il 31 gennaio anche nel Fermano un intervento nel comune di Montegiorgio nella chiesa di San Nicolò sono stati messi in sicurezza 116 beni con la stessa composizione delle squadre. Tra le opere più importanti quelle salvate nel Maceratese: un Tiepolo da Camerino nella Chiesa di San Filippo Neri di Camerino. A Ussita alla Pieve nel mese di novembre recuperata una tavola del De Magistris. Il 28 di agosto nella chiesa dell’Assunta di Arquata del Tronto recuperato un crocifisso ligneo  policromo del 1200. Un pezzo di straordinaria importanza firmato da due frati frate Benedetto e frate Raniero che ora è nel duomo di Ascoli.  Un crocifisso romanico, uno dei pochi nelle Marche a cui gli arquatani tengono molto a tal punto da farne una copia . Una corsa contro il tempo quella di questi mesi per le continue scosse. A Pretare il crocifisso  recuperato dai carabinieri e vigili del fuoco con la collaborazione di don Francesco Armandi, il parroco scomparso a gennaio in prima linea dal 24 agosto a supporto della popolazione, è ora in fase di restauro e il fatto di riportarlo alla luce rappresenta per tutti un simbolo di speranza e di rinascita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *