Acquaviva, Don Alfredo: “Il Signore vuole che tutti siano felici”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Patrizia Neroni

ACQUAVIVA PICENA – Ad Acquaviva Picena il parroco don Alfredo incontra il martedì pomeriggio i bambini a cui verrà amministrato il Sacramento della prima Confessione.

Il parroco dopo la preghiera e alcuni minuti dedicati ad una piccola presentazione di ciascun bambino, soffermandosi soprattutto sul Sacramento del Battesimo, ha iniziato parlando della coscienza: “Le emozioni o i sentimenti che ognuno di noi prova non sempre sono visibili all’esterno e a volte nemmeno noi stessi ci accorgiamo di cosa abbiamo dentro perché presi dalla fretta e dalle cose mondane.
Meglio prendersi alcuni minuti di silenzio e calma per pensare di più a cosa abbiamo nel cuore e a quali sono i nostri pensieri. Capita di commettere errori, ma mai pensare che il Signore ci lasci soli perché noi sbagliando ci allontaniamo dalla Sua strada. Il Signore ci viene a cercare e così facendo non ci lascia mai, perché se sbagliamo viene a cercarci come nella parabola “Della pecorella smarrita” e se invece ci comportiamo bene è sempre vicino a noi. Gesù vi tiene sempre per mano, anche quando vi sembrerà di non averLo vicino. Pensate a quando bene vi vogliono i vostri genitori o i vostri nonni, ecco Gesù vi vuole bene come loro e sarà sempre pronto a perdonarvi anche quando sbaglierete. Anche se pensate alla Creazione troverete che lì l’uomo si è allontanato da Dio peccando, ma il Signore lo ha perdonato.
Dio creò l’uomo e poi creò la donna perché così gli donò una creatura più simile a lui che lo poteva aiutare e con cui poteva parlare, era già felice con tutte le altre creature, ma sentiva che gli mancava ancora qualcosa. Quando farete la Prima Confessione vi accorgerete di quanto questo Sacramento sia bello, vi renderete conto che tutte le volte che andrete da Dio a chiedere perdono Egli vi accoglierà a braccia aperte e felice, perché il Signore vuole che tutti siano felici, ogni Sua opera è destinata alla nostra felicità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *