Ss. Annunziata: don Anselmo chiede al Sindaco di spostare la fermata autobus

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

10857361_1381098342207626_4825277208106592633_o

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Chiesa della Ss.ma Annunziata è ancora chiusa dopo la scossa di terremoto di fine ottobre secondo l’ordinanza del sindaco.

La chiesa, in particolare la parte antica, ha subito dei danni che a seguito dei sopralluoghi ne avevano decretato la chiusura. In seguito a ulteriori verifiche in dicembre degli organi preposti è stata dichiarata la necessità della messa in sicurezza in quanto rappresenta un possibile pericolo per la pubblica incolumità. Eppure se si passa per la Salaria, a parte un cartello sul portone, non c’è nessun transennamento.

Il parroco don Anselmo Fulgenzi, preoccupato per gli interventi tecnici necessari dovuti per la messa in sicurezza della Chiesa, si è rivolto con una lettera al Sindaco di San Benedetto per chiedere di salvaguardare anche la zona del marciapiede a ridosso della parete della Chiesa antica, quest’ultima dichiarata inagibile.

Infatti la parte più danneggiata è quella della struttura più antica con la torre campanaria, lato che si affaccia sulla trafficata Salaria, dove nelle ore di punta si formano code di automobili. L’angolo tra la strada Salaria e la strada laterale alla chiesa è anche molto frequentato dato che conduce alla scuola limitrofa.

WP_20170203_002 (1)A destare le maggiori preoccupazioni del parroco è il fatto che in adiacenza alla parete della Chiesa si trova la fermata dell’autobus che proviene da Ascoli Piceno; ogni giorno infatti, molte persone sostano nella panchina per attendere il bus. Numerose sono state le segnalazioni di don Anselmo ai tecnici e alle autorità che hanno visionato la chiesa, ma ancora oggi il marciapiede risulta transitabile dai pedoni senza alcuna protezione. Con questa lettera Don Anselmo spera che si intervenga per preservare la parte antica della chiesa e per proteggere la fermata dell’autobus da rischi di ogni genere.

Poi c’è anche l’edificio della chiesa con la torre campanaria da mettere in sicurezza…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *