Yemen: Msf, “una guerra devastante per i civili, anche gli ospedali sotto attacco”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

YemenIn Yemen la guerra sta avendo un impatto devastante sulla popolazione civile, sia per il numero delle vittime dirette sia per il collasso dei sistemi sanitari.
È quanto emerge dal nuovo rapporto sull’assistenza medica in tempo di guerra, diffuso da Medici senza frontiere (Msf). Il rapporto si concentra in particolare sulla situazione di Taiz, la terza città più grande dello Yemen, essa stessa lungo la linea del fronte, dove da quasi due anni la popolazione vive in un continuo stato di paura e sofferenza. “Le disperate condizioni di Taiz sono un esempio di quanto sta avvenendo in tutto lo Yemen”, afferma Karline Kleijer, coordinatore dell’emergenza Msf per lo Yemen: “Le parti in conflitto a Taiz mostrano regolarmente una totale mancanza di rispetto per la protezione dei civili, delle strutture sanitarie, del personale medico e dei pazienti. I nostri pazienti, su entrambi i lati dei fronti, raccontano di essere stati feriti dai bombardamenti mentre preparavano il pranzo in cucina, feriti dagli attacchi aerei mentre andavano a lavorare i campi, mutilati dalle mine mentre radunavano il bestiame e puntati dai cecchini nelle strade davanti alle loro case”.
Il governatorato di Taiz, nello Yemen sudoccidentale, ha visto alcuni degli scontri più violenti e prolungati da quando il conflitto si è intensificato nel marzo 2015. Anche i servizi sanitari a Taiz sono entrati nel mirino delle violenze, con ospedali danneggiati direttamente da bombardamenti e sparatorie, una clinica mobile di Msf raggiunta da un attacco aereo e diverse ambulanze colpite da spari, confiscate o assalite con la forza da uomini armati.

Gli operatori sanitari sono stati attaccati mentre andavano al lavoro, detenuti, minacciati e costretti a lavorare con la pistola puntata. “Se mi sento al sicuro mentre lavoro in ospedale? Non mi sento mai al sicuro” dice il coordinatore del pronto soccorso di un ospedale pubblico a Taiz. “Non c’è alcun rispetto per le strutture mediche. Il nostro ospedale è stato colpito e bombardato molte volte. I bombardamenti stanno causando molta agitazione, sia tra lo staff che tra i pazienti”. La maggior parte delle famiglie oggi vive in assenza o con scarsa energia elettrica e insufficienti quantità di cibo e acqua. Molti vivono in ripari di fortuna o edifici sovraffollati, spesso con servizi igienici inadeguati e senza materassi, coperte o attrezzi per cucinare.
Nel report Msf rilancia l’appello a tutte le parti in conflitto perché “assicurano la protezione dei civili e del personale sanitario e permettano ai feriti e ai malati di accedere alle cure mediche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *