Entro il 16 gennaio le domande di sopralluogo sugli edifici colpiti dal terremoto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
COSSIGNANO – C’è tempo fino al 16 gennaio 2017 per presentare al Comune la domanda di sopralluogo sugli edifici colpiti dal terremoto. È uno dei chiarimenti contenuti nella circolare della Protezione civile di fine anno (prot.llo nr. UC/TERAG 16/0073056 del 28 dicembre 2016) sulla prosecuzione delle attività connesse ai sopralluoghi di agibilità coordinati dalla Dicomac.

Per tutti i sopralluoghi ripetuti, il Comune deve informare la squadra, incaricata di svolgere la nuova verifica, dell’esito del precedente sopralluogo e, di prassi, la scheda precedente è sostituita da quella nuova. Le squadre di rilevatori consegnano le schede Fast in originale ai centri di coordinamento regionale di competenza e ne lasciano una copia al Comune/Coc, mentre le schede Aedes/GL-Aedes svolte per la parte residua dalle squadre coordinate dalla Dicomac sono consegnate in originale presso la Dicomac stessa oppure presso i centri di coordinamento regionale di competenza (con rilascio dei modelli riepilogativi al Comune/Coc).

Sono definite le modalità di presentazione delle domande di sopralluogo nei seguenti casi:

  • se alla data del 27 dicembre 2016 è stata già presentata domanda di sopralluogo ma non è stato ancora svolto, l’istanza resta valida;
  • se alla data del 27 dicembre non è stata presentata domanda di sopralluogo, può essere presentata al Comune un’istanza semplice da parte di chi ne ha diritto. In alternativa è il sindaco a pianificare il sopralluogo sugli edifici per cui lo ritiene opportuno;
  • per gli edifici già ispezionati prima del 30 ottobre che avevano avuto esito A (con o senza inagibilità per rischio esterno), se si riscontrano danni che potrebbero compromettere l’agibilità, può essere presentata un’ulteriore istanza semplice di sopralluogo da parte di chi ne ha diritto al Comune o al Centro Operativo Comunale (Coc) per sopralluogo Fast. In alternativa è il Sindaco a pianificare il sopralluogo sugli edifici per cui lo ritiene opportuno;
  • per gli edifici già ispezionati che hanno avuto esito “D” (da rivedere), il sopralluogo viene svolto d’ufficio con scheda Aedes/GL Aedes;
  • per le richieste di ripetizione del sopralluogo, tranne che per i casi precedenti, sia su un edificio agibile a seguito di un sopralluogo Fast, sia in caso di sopralluogo con scheda Aedes, la presentazione della nuova istanza deve essere accompagnata da perizia asseverata di un tecnico di parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *