Piceno, inaugurato l’ufficio speciale per la ricostruzione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

ConsidPICENO – Giovedì pomeriggio ad Ascoli Piceno, nella ex sede del Piceno Consind (Consorzio di sviluppo industriale delle valli del Tronto, dell’Aso e del Tesino) in via della Cardatura, si è inaugurata la prima sede dell’Ufficio speciale per la ricostruzione, a servizio dei comuni della provincia colpiti dal sisma. Alla cerimonia, oltre al presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, la vicepresidente della Giunta regionale, Anna Casini, l’assessore regionale alla Protezione Civile, Angelo Sciapichetti, il direttore dell’Ufficio speciale, Cesare Spuri e diversi sindaci e amministratori locali. “Una struttura importante – ha sottolineato Ceriscioli – rivolta a sindaci, cittadini, attività economiche e tutti i soggetti che ne avranno bisogno. Inaugureremo altri Uffici per la ricostruzione al fine di coprire tutto il territorio regionale interessato dai sismi. Già da adesso i cittadini possono rivolgersi a questo ufficio in base alle ordinanze esistenti e le pratiche per la ricostruzione prevedono l’ausilio di una piattaforma telematica attraverso la quale i tecnici potranno presentare i progetti. Sarà realizzato uno Sportello unico dove sarà possibile raccogliere domande e acquisire informazioni e la struttura prevede anche una locale utile per momenti d’incontro quali le Conferenze di servizio”. A regime – ha concluso il presidente – l’Ufficio avrà a disposizione circa 60 persone tra tecnici e amministrativi e siamo in attesa, oltre all’ordinanza inerente la ricostruzione per le imprese che hanno subito danni pesanti e leggeri, l’assunzione di personale da parte dello Stato per la ricostruzione al fine di disbrigare la grande mole di lavoro”.
“E’ un Ufficio – ha detto Spuri – necessario per velocizzare un percorso di lavoro che non sarà semplice.
Abbiamo individuato il personale che lavorerà nella struttura e la caratteristica richiesta agli operatori è stata quella della massima disponibilità perché dobbiamo dare il nostro meglio per dare risposte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *