“Strana… mente Artista” A tu per tu con Mirella Ruggieri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Mirella Mirella2A cura di Carlo Gentili

Leggi le precedenti interviste a Tiziana MarchionniMilena BernardiniBarbara TomassiniPaolo PiuntiAntonio LeraGianni MarcantoniGiuseppe PalestiniGenti TavanxhiuGiuseppe AlesianiCarla CivardiTanya del Bello, Giacomo CagnettiFabrizio MarianiSimona TeseiGiarmando Dimarti e Gabriele Baglioni

Mirella Ruggieri, Laureata in arte con Giulio Carlo Argan, collabora con la rivista  Praxis con articoli su Licini, Pietro da Cortona, Palazzo ducale di Urbino. Presidente di associazione femminile FIDAPA,  fonda “Antiqua Marca Firmana” e, successivamente, il “Midlands” di cui è Presidente e Direttrice organizzativa. Con questa associazione si occupa di musica,arti visive,letteratura e rapporti con l’estero al fine di diffondere nel mondo la conoscenza della cultura,delle tradizioni e delle eccellenze italiane,marchigiane in particolare, e favorendo scambi e conoscenze internazionali.

Ha organizzato, curato e presentato varie collettive e personali di pittura,tra cui due significative presenze al Festival dei Due Mondi di Spoleto ed  è stata chiamata a far parte delle Giurie di importanti Premi artistici come San Remo; Presidente di giuria “La scarpetta di Cenerentola”  al prestigioso Premio “Ripetta”a Roma.  Altro impegno di Mirella Riggeri, il Festival “Giordaniello”che ha raggiunto la XIII edizione, arricchito in maniera spettacolare da contaminazioni con altre arti (pittura poesia,teatro,danza,enogastronomia con prodotti tipici del territorio, laboratori,ospiti internazionali,ricerca di location particolarmente suggestive)

Cosa rappresenta l’arte per lei ? Come nasce in lei la passione per l’arte?
L’arte in senso lato e l’arte visiva in particolare per me è una sorgente di gioia, un contatto rasserenante anche quando sono rappresentati argomenti duri e difficili perché, liberando la fantasia, mi porta fuori dal quotidiano,  verso atmosfere più coinvolgenti per lo spirito,

L’amore per l’arte nasce quando avevo circa 7/8 anni, quando la mia mamma, fiorentina,cominciò a portarmi nei Musei della città, agli Uffizi in particolare: io mi annoiavo moltissimo quando un giorno mi fermai di “botto”, estasiata,dinanzi ad una bella fanciulla che usciva da una conchiglia, la Venere del Botticelli!  L’elemento magico, i colori tenui, la grazia della fanciulla mi segnarono per sempre,Venere dea della Bellezza aveva colpito ancora!

Penso che l’uomo senta il bisogno di esprimersi attraverso l’arte e la fantasia perché esse, portandoci verso altre dimensioni, sono sinonimo di libertà; è bene però che questa espansione verso altri mondi non resti fine a se stessa, ma diventi stimolo per realizzare i nostri sogni

Mirella, da sempre nell’arte. Fin dalla laurea sotto la guida di Argan agli studi  da giovanissima su Osvaldo Licini, Pietro da Cortona, Palazzo ducale di Urbino pubblicati sulla rivista nazionale  “Praxis”
Parafrasando Puccini “vissi d’arte” fin da piccola e quindi nel tempo ho seguito studi confacenti alla mia personalità , applicandoli poi concretamente all’organizzazione di eventi e alla critica artistica

Promotrice della cultura nel fermano:  dapprima come Presidente  della FIDAPA (associazione femminile internazionale), poi come fondatrice di “ Antiqua Marca Firmana” di Fermo. Cosa ci racconta di quelle esperienze?
Sono entrata attivamente nel mondo dell’arte e dello spettacolo attraverso la FIDAPA,associazione femminile internazionale. Conclusa questa parentesi in cui ho appreso molto, ma di cui non condividevo alcuni aspetti che ritenevo sorpassati, sono stata tra i soci fondatori dell’Antiqua Marca Firmana,creando il Concorso Violinistico “Andrea Postacchini”.
Questo fiore all’occhiello ha però fagocitato l’associazione che, contrariamente a quanto stabilito nel primo statuto, non ha fatto nient’altro, divenendo per me limitante, così ho accettato di presiedere un Club di origine statunitense il Midlands I.C.C. accompagnandolo con la dicitura Sez.Marche, che lascia ampio spazio per tantissime iniziative diverse.

Successivamente  fonda Midlands International Cultural Club (I.C.C.) di cui è Presidente e Direttrice organizzativa. Con questa associazione si occupa solo di musica o è un qualcosa di piu’ ampio respiro?
No, non solo musica,ma, come ho detto, lascia molta libertà di espressione per la promozione culturale del fermano, per gli scambi culturali con città e province italiane e con l’estero (Slovenia, Croazia, Polonia, Germania Giappone, Malesia, Emirati Arabi e altre nazioni con cui abbiamo contatti per instaurare gemellaggi culturali)

I bambini e il mondo dell’arte? Come avvicinarli? Come affascinarli? Come coinvolgerli?E’ un nostro primario interesse avvicinare bambini e ragazzi all’affascinante  mondo dell’arte, coinvolgendoli non come discepoli,ma come protagonisti, facendoli esprimere liberamente, facendoli divertire, gratificandoli per il loro impegno, mettendoli al centro dell’attività e dell’attenzione, scoprendo e sostenendo i più dotati che, in un settore quanto mai difficile come quello  artistico, potrebbero trovare uno sbocco lavorativo, aiutandoli così a concretizzare il loro sogno fantastico.
Debbo dire che siamo stati fortunati perché siamo riusciti a lanciare,specialmente in campo musicale, diversi giovani e giovanissimi, ora in ottime posizioni

Critica, organizzatrice di eventi, Presidentessa ed ideatrice di associazioni culturali, esperta ed amante d’arte: chi è Mirella Ruggieri?
Non so rispondere,comunque non mi sottraggo e dico “una persona eclettica, forse volubile, ma mai superficiale, che racchiude in sé tutti questi aspetti

E’ l’arte o la conoscenza che “educa” alla Bellezza? O la Bellezza è un fatto interiore che ognuno deve individuare attraverso un proprio percorso? Propendo a credere che la Bellezza sia un fatto interiore che ognuno deve trovare autonomamente seguendo un proprio  percorso; per far questo però deve conoscere le varie forme dell’arte, punto di partenza per un individuale  approfondimento.

Il suo ricordo piu’ bello, piu’ affascinante, piu’ emozionante  legato al suo modo di proporre  arte…. (un premio, una segnalazione, una amicizia, un ricordo…)
Si è creata una rete di vere amicizie che riscaldano il cuore e non ti permettono di allontanarti da questo mondo fatato . I momenti più belli sono quando ti rendi conto di essere utile con un riconoscimento che permette all’artista scoraggiato di ritornare in pista o con un sorriso ad una bimba straniera che non pensava di essere in grado leggere i versi da lei composti e che, dopo esserci riuscita, ti guarda con occhi adoranti

Arte come sogno, come fuga, come impegno o  come denuncia?
Sinteticamente come impegno sognante o…..sogno impegnativo

La spiritualità nell’arte?
E’ mia personale opinione che l’arte senza spiritualità sia pura tecnica, perfetta fin che si vuole,ma senza anima.

FOTO:
1. esibizione alla sala dei Ritratti a Fermo del soprano Carla Laudi,accompagnata dalla pianista Cesarina Compagnoni ,a  cui è stato attribuito il Premio “Giordaniello” 2016

2. Mostra “Bagliori d’Oriente” che presentava,all’Oratorio del Rosario a Fermo ,opere  realizzate dagli allievi del Liceo Artistico Licini-Preziotti in occasione dell’esibizione della Toyota Sinfonietta,diretta dal M°Toshiaki Hayashi,nell’adiacente chiesa  di S.Domenico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *