San Benedetto, eventi in memoria del Venerabile Padre Giovanni dello Spirito Santo

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Di Alessandro Ribeca

DIOCESI – 12 dicembre 1905: moriva a soli 23 anni il Venerabile Padre Giovanni dello Spirito Santo, il nostro Giacomino Bruni, un ragazzo nato e cresciuto tra le vie del Paese Alto di S. Benedetto, che ha frequentato la chiesa di S. Benedetto Martire e della Marina.

Per ricordarlo, sabato 10 dicembre è stato proiettato nel salone parrocchiale un video/documentario realizzato dai ragazzi della parrocchia San Benedetto Martire e ieri, lunedì 12 dicembre, è stata celebrata in sua memoria una Santa Messa alle ore 19.00.
Ci sono quattro parole che mi vengono in mente quando rivedo questo video.

La prima è la parola “stupore” perché senza lo stupore non ci saremmo messi a fare ricerche per conoscere meglio questo giovane della nostra parrocchia. Ma soprattutto lo stupore è quello che ti fa dire “guarda là”, come quando la notte di S. Lorenzo osservi il cielo e ti capita di vedere una stella cadente e la prima cosa che fai è puntare il dito e dire “guarda là”. Ecco, il motivo per cui abbiamo girato il video è per lo stupore che ci ha colpito conoscendo il nostro Giacomino.

La seconda parola l’hanno indovinata i bambini delle elementari. Ho detto loro: “A Giacomino piaceva tanto una parola, ma è una parola che a voi non piace…” e la prima che hanno detto è stata “obbedienza”. Proprio così! La parola che pensavo era proprio questa: “obbedienza”. Padre Giovanni tra le tante cose che ci ha insegnato con la sua vita, la più grande è l’obbedienza. Un’obbedienza non insensata, ma una obbedienza giustificata che nasce dall’amore e dalla fede verso Gesù crocifisso.

La terza parola che mi comunica questo video è “passione”. Usiamo la parola passione con due significati. Innanzitutto parliamo di Passione nel senso di avere passione per qualcosa e Padre Giovanni era veramente appassionato di Gesù, tutto quello che faceva lo faceva con grande passione. Poi usiamo la parola passione anche per indicare sofferenza, sacrificio e anche in questo Padre Giovanni ha molto da insegnarci. Per realizzare un sogno ci vuole molta passione in entrambi i significati.

E la quarta parola è proprio “sogni”. Non si può andare a dormire senza avere un desiderio e Padre Giovanni ci insegna proprio questo: tutti noi dobbiamo avere un sogno, ma occorre passione e sacrificio per realizzarlo.

Chiedevo ai giovani della parrocchia, per quale motivo tra tante persone che potremmo ricordare, ricordiamo un ragazzo che alla fine dei conti non ha fatto nulla di eccezionale? Ecco, io spero che ognuno di loro trovi la risposta nel proprio cuore. Per quanto mi riguarda io so solo che personalmente ho bisogno di figure come Giacomino che mi dicono con la loro vita che è possibile un modo diverso, un modo più vero di vivere, che è possibile vivere così, che santi non si nasce, ma si diventa.

Proiettare il video e raccontarne la testimonianza è un’esperienza bellissima e da questo stupore verso Giacomino, mi nasce un desiderio, quello di dire “guarda là” anche ad altri ragazzi, e così mi rendo disponibile per eventuali incontri nelle varie parrocchie della nostra diocesi.

Questi sono i link:
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/ilmorettodisbt/
Video breve 5 min: https://www.youtube.com/watch?v=SPOXbL5Vx7I
Video cortometraggio 25 min: https://www.youtube.com/watch?v=Kcn9O9HseOY

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *