San Benedetto Istituto Marcucci, dall’Armenia all’Italia: cronache di uno scambio culturale in nome dell’Europa

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Andrea Marcopoli

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Tanti volti, molte lingue, un insieme di differenti culture.
Un obiettivo raggiunto: quello di cercare di rendere l’Europa più inclusiva.

Questo quello che rimane dello scambio giovanile “Move on”, progetto di Erasmus+ che si è appena tenuto in Armenia, organizzato dall’Istituto Marcucci di San Benedetto del Tronto.

Lo scambio ha visto la partecipazione di una trentina di ragazzi tra i 18 e i 25 anni provenienti da diversi paesi, come Armenia, Netherlands,Italia, Polonia, Ucraina,Georgia; i ragazzi hanno vissuto insieme per una settimana e hanno effettuato workshop ed escursioni per parlare di Europa, di integrazione e di culture differenti.
Le attività e i workshop si sono svolti in lingua inglese, e hanno visto la partecipazione attiva non soltanto degli organizzatori, ma di tutti i ragazzi presenti, che hanno così avuto la possibilità di scoprire a fondo la cultura armena.

Il gruppo italiano, capeggiato dal team leader Alceste Aubert, in uno dei giorni del progetto ha organizzato un’escursione a Khor Virap, dove il re Arhashes fondò la sua capitale nel 189 a.c. riunendo le terre armene e dotando il suo paese per la prima volta di una struttura “moderna,
migliorando l’economia del paese, la civiltà e l’impalcatura politico militare.

Durante l’escursione i ragazzi hanno avuto l’opportunità di ascoltare la storia e le leggende armene: fu qui infatti, nella fossa di Khor Virap, che il fondatore della chiesa apostolica Armena Grigor Lusavorich(gregorio Illuminatore) fu imprigionato per tredici anni circondato da serpenti e scorpioni.
Dopo la proclamazione del cristianesimo come religione di Stato, Grigor Lusavorich insieme al re Trdat (Tiriade)III cominciarono a diffondere il cristianesimo in tutto il regno.

Oltre a Khor Virap, nel corso del progetto, i ragazzi hanno avuto la possibilità di visitare altre bellezze dell’Armenia, come Noravank, Areni (dove il gruppo ha potuto degustare ottimi vini armeni) e il celebre monastero di Geghard, fondato nel IV secolo da Gregorio l’Illuminatore, e favoloso per i suoi panorami in mezzo alle montagne. Col tempo Geghard divenne luogo di pellegrinaggio simbolo dell’Armenia e addirittura si pensa che, tra le sue mura, fossero nascoste reliquie importantissime, come una parte della lancia che ha trafisso il Cristo crocifisso o un pezzo di legno facente parte dell’arca di Noè.

Oltre alle escursioni i ragazzi, nel corso del progetto Move On, hanno anche esplorato le perle culinarie del Paese: in un’azienda hanno potuto vedere all’opera i maestri panettieri armeni che cucinano il lavash, tipico pane del luogo, che viene cotto in maniera molto particolare, all’interno di piccoli forni dalla forma di pozzo.
Cultura, tradizioni e rispetto reciproco: un bagaglio che resterà per molto tempo negli occhi e nel cuore di tutti i partecipanti italiani, che sono rientrati in Italia pieni di storie da condividere su un Paese forse poco conosciuto, ma dalle splendide bellezze nascoste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *