Corridoi umanitari: nuovi arrivi dal Libano grazie al progetto di Sant’Egidio ed Evangelici

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

corridoi umanitari profughi

Zenit

Previsto l’arrivo di altri 100 profughi, principalmente siriani, all’aeroporto di Fiumicino nei giorni 1 e 2 dicembre. L’approdo in Italia di queste persone è stato reso possibile dai “corridoi umanitari” realizzata dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), dalla Tavola valdese e dalla Comunità di Sant’Egidio.

Il progetto, avviato meno di un anno fa nell’ambito di un protocollo d’intesa tra promotori e Ministeri dell’Interno e degli Affari Esteri, raggiunge così quota 500 arrivi nel corso dell’anno.

Secondo Paolo Naso, coordinatore di Mediterranean Hope, questa “non è la soluzione complessiva al fenomeno migratorio ma, nell’ambito delle norme vigenti, è una strategia efficace e di dimostrata sostenibilità per garantire protezione ai soggetti più vulnerabili”.

Nei giorni scorsi anche la Conferenza episcopale italiana (CEI), d’intesa con Caritas, Fondazione Migrantes e Sant’Egidio, ha annunciato l’impegno a sostenere nuovi corridoi umanitari per 500 profughi. “È un risultato importante – commenta Naso – che valutiamo con soddisfazione per almeno due ragioni: la prima è che altri seguono la strada che abbiamo individuato e battuto; la seconda è che una coraggiosa esperienza ecumenica è stata in grado di attivare l’impegno diretto della Chiesa cattolica. Questo esempio dà la misura della forza e delle potenzialità del movimento ecumenico che, quando trova coraggio, ha la possibilità di precedere e anticipare scelte che poi adottano anche le istituzioni ecclesiali”.

Il protocollo prevede l’apertura nei prossimi mesi di nuovi “corridoi umanitari” con Marocco ed Etiopia.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>