San Bendetto, un incontro sulla “Politica della bellezza”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page
SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Lunedì 28 novembre alle 17.30, la Pinacoteca Comunale di palazzo Piacentini di San Benedetto del Tronto ospiterà il mecenate e operatore culturale Antonio Presti.

Presti è in tour nelle Marche per incontrare gli studenti di Urbino, Ancona, Loreto, Jesi, San Benedetto del Tronto e tutti coloro che vorranno ascoltarlo sul tema “Politica della Bellezza”. “Considero l’Arte e la Bellezza come la massima espressione etica – spiega Presti introducendo il suo tour marchigiano – un dono, una condivisione, se riusciamo a declinarla dentro la politica sociale”.

Presti , imprenditore siciliano, inizia a farsi conoscere nel 1982, quando chiama Pietro Consagra ad erigere il maestoso monumento “La materia poteva non esserci” nella fiumara Del fiume Tusa, vicino Messina. Nasce così “La Fiumara d’Arte”, un museo all’aperto costituito da una serie di sculture di artisti contemporanei e nasce la contesa durata più di 20 anni tra Presti e le amministrazioni siciliane, conclusasi nel 2006 con il riconoscimento regionale di questo patrimonio artistico.

Ma Presti è anche famoso nel mondo per il suo museo – albergo “Atelier sul Mare”, dove si abita l’Arte, per il suo impegno per il quartiere Librino di Catania, per le sue azioni eclatanti contro l’inquinamento, contro lo spreco, contro l’indifferenza. Eppure Antonio Presti non è un uomo “contro”, anzi, lavora per l’inclusione, l’attiva partecipazione: lo testimoniano le sue prossime azioni a Taormina e nel Parco dell’Etna, dove sta per inaugurare il percorso “Io vedo l’invisibile”.

L’iniziativa è organizzata nell’ambito del “Festival del Pensiero Plurale 2016” di Ancona.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>