Fondazione Ratzinger: convegno sull’escatologia e Premio a Inos Biffi e Ioannis Kourempeles

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

Papa Benedetto XVI“Escatologia: analisi e prospettive”. È il tema del VI Simposio internazionale promosso dalla Fondazione vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, in programma il 24 e 25 novembre alla Pontificia Università della Santa Croce.
Si tratta di uno degli appuntamenti più importanti della Fondazione a cui parteciperanno eminenti studiosi, biblisti e teologi, tra cui anche due rabbini: Riccardo Di Segni, rabbino capo di Roma e da Gerusalemme, Moshe Idel. A conclusione del Convegno ci sarà la consegna del Premio Ratzinger assegnato quest’anno a mons. Inos Biffi, teologo di lunga e feconda carriera, e al professore ortodosso greco, Ioannis Kourempeles.  “Il professor Joseph Ratzinger – ricorda padre Federico Lombardi, presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI, intervistato da Radio Vaticana – si occupò molto approfonditamente dei temi dell’escatologia, già quando era professore universitario, e poi anche ha continuato ad occuparsene quando era Prefetto della Congregazione della Dottrina della Fede. E anche da Papa: l’Enciclica Spe salvi ci parla con molta profondità dei temi della speranza cristiana e della vita eterna”. Da Papa emerito, inoltre, Benedetto XVI ha trattato questo tema, con accenti molto personali, nel libro-intervista “Ultime conversazioni”.

“La questione dell’escatologia, che vuol dire appunto le questioni ultime della nostra vita e della nostra storia, la vita eterna, la morte, il giudizio – osserva Lombardi – sono temi che sono stati spesso lasciati un po’ da parte perché non sono facili da affrontare ma che ci toccano vitalmente, in un modo estremamente profondo, perché il tema del termine della nostra vita, del senso della nostra vita, della vita al di là della morte è qualcosa di estremamente importante e nella vita cristiana è un aspetto che non può assolutamente essere tralasciato”. Di qui la necessità di “riprendere queste tematiche e studiarle approfonditamente, sia nel pensiero di Joseph Ratzinger, sia nel Nuovo Testamento e nell’Antico Testamento”, come si prefigge di fare il convegno.  Da parte della Fondazione Ratzinger come tale, partecipano tre cardinali che sono membri del Comitato scientifico della Fondazione, cioè il cardinale Amato per la inaugurazione e il cardinale Koch e il cardinale Ravasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *