Aborto: Elia (Meic), “La misericordia è il volto stesso di Dio”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

abortoIl messaggio di “Misericordia et misera” è “ben di più” della “concessione a tutti i sacerdoti della facoltà di assolvere quanti hanno procurato peccato di aborto”: è soprattutto “fare della misericordia lo stile ordinario non solo della vita cristiana ma della stessa convivenza fra gli uomini”, ovvero “guardare negli occhi i poveri, di pane, di affetti, di libertà, di lavoro e partire di lì per costruire nuovi modelli sociali, inclusivi e rispettosi”. E’ quanto scrive il presidente nazionale del Meic, Beppe Elia, in un commento alla lettera apostolica di papa Francesco pubblicato sul sito del movimento degli intellettuali cattolici italiani. Per Elia “i messaggi che il Papa rivolge alla sua Chiesa e al mondo non sono mai neutri; ed anche quando egli parla di misericordia rifugge da ogni buonismo. Egli non fa che ripetere, con forza, le parole del Vangelo: non a caso è l’immagine di Gesù al pozzo con la samaritana a introdurre, segnandone il percorso, la Lettera apostolica con cui egli ha concluso l’anno giubilare”. “Per un credente, la misericordia è il volto stesso di Dio, che si è fatto carne per l’umanità tutta, ne ha condiviso le pene, le paure, le sofferenze, è l’espressione del suo amore, del suo prendersi cura di noi”, continua ancora il presidente del Meic: “Nessuno può dirsi veramente credente nel Signore Gesù Cristo se non accetta nella sua vita di farsi misericordioso, poiché egli per primo è stato “misericordiato” (un altro dei neologismi cui questo papa ci ha abituati)”. “Ma anche per chi non crede la misericordia rivela tutta intera la sua potenza”, conclude Elia, “perché la violenza, la divisione, l’indifferenza, a garanzia della nostra sicurezza personale sono risposte senza futuro, che umiliano la nostra umanità (e i fatti di questi giorni lo stanno a dimostrare) e creano i presupposti per altro dolore. Guardare negli occhi i poveri, di pane, di affetti, di libertà, di lavoro e partire di lì per costruire nuovi modelli sociali, inclusivi e rispettosi, è ormai un’urgenza. La voce profetica di Francesco ce lo ricorda ancora una volta”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>