Al cinema Margherita arriva “Sing Street”

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this page

CUPRA MARITTIMA - Il Cinema Margherita di Cupra Marittima da giovedì 17 a lunedì 21 novembre propone Sing Street di John Carney, con Lucy Boynton, Maria Doyle Kennedy, Aidan Gillen, Jack Reynor, Kelly Thornton. Il film è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival 2016, in Italia il film è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma 2016.

Sing Street di John Carney
giovedì 17 novembre ore 21,15
venerdì 18 novembre ore 21,15
sabato 19 novembre ore 18,30 – 21,15
domenica 20 novembre ore 16,30 – 18,30 – 21,15
lunedì 21 novembre ore 21,15

Homeward Bound incontro con i registi Giorgio Cingolani e Claudio Gaetani
martedì 22 novembre ore 21,15
ingresso 5,00€

Prossimamente: Agnus Dei di Anne Fontaine dal 24/11
Ricevi la programmazione su Whatsapp registra il numero 3917156986 sulla tua rubrica e invia ‘ok ‘ (il tuo numero non sarà visibile se non a noi)

Al Cinema Margherita riprendono gli appuntamenti con il Cinema d’Essai, martedì 22 novembre la rassegna parte con la presentazione di Homeward Bound, di Giorgio Cingolani e Claudio Gaetani, per l’occasione i registi saranno in sala per illustrare il film e parlare con il pubblico.

Sing Street: Conor vive nella Dublino di metà anni ’80, ha 16 anni e un talento nella scrittura di canzoni. L’incontro con l’aspirante modella Raphina, di cui s’innamora perdutamente, lo spinge a fondare una pop band per attirare la ragazza come attrice di videoclip. Nel frattempo il matrimonio dei genitori va in frantumi: saranno la musica, l’amore e l’inossidabile rapporto col fratello maggiore a dare al ragazzo un coraggio che non credeva possibile. (www.trovacinema.it)

” Regista dal pedigree musicale, Carney l’abbiamo amato nell’opera d’esordio Once, apprezzato in Tutto può cambiare ma é con Sing Street a sfiorare il paradiso, naturalmente nel genere teen-musical-romance-dramedy. Difficile infatti è trovare simili equilibri di levità e profondità nel pur ricco panorama contemporaneo del cinema su/per adolescenti. Rielaborando il proprio know-how sugli ’80 a tutto tondo e la vibrante tradizione anglosassone del romanzo di formazione unita al musical, Carney riesce nel piccolo grande miracolo di comporre un ensemble divertente ed intelligente, ricco di trovate musicali-narrative che fanno il verso a band di culto dell’epoca di cui imita sound e look adattati alla freschezza di simpatici e ingenui teenager. Non a caso il gruppo da loro creato si chiama Sing Street, laddove la strada diventa lo stage primigenio, la loro palestra umana ed educativa.
“I am a Futurist” (Sono un futurista) si ostina a ripetere Conor nelle sue misere “brown shoes”, totalmente ignaro delle connotazioni culturali che si auto-attribuisce, ma è chiaro che lui e i suoi amici pensano oltre e malgrado se stessi a un futuro altrove, certamente diverso dalle famiglie da cui provengono. Sing Street scorre nel suo tempo come meglio non potrebbe, e mostrandoci amori acerbi ma sinceri, speranze intatte e sogni folli, naviga sicuro attraverso le turbolente acque dell’adolescenza. Lodevole il cast, specie il giovanissimo protagonista Ferdia Walsh-Peelo.” (Anna Maria Pasetti– Mymovies.it)

“Homeward Bound_Sulla strada di casa” è un film sperimentale realizzato con alcuni adolescenti che vivono presso l’Hotel House di Porto Recanati, un enorme (17 piani, 480 appartamenti) e isolato grattacielo/ghetto dove vivono circa 2000 persone provenienti da più di 40 paesi differenti. Di questi 450 sono minori. Il film racconta nell’arco di un giorno (dall’alba di un giorno all’alba del giorno dopo) la vita e le vicende di alcuni ragazzi (Naven, Zak, Yasin, Anta, Ferdaus, Shah Zib, Alamin e altri coetanei) che vivono all’Hotel House. Le loro vicende si intrecciano senza incrociarsi. Il palazzo fa da sfondo alle storie, le condiziona e le porta fino alle più drammatiche conseguenze. Storie vere immaginarie raccontate ed interpretate dagli adolescenti che descrivono la loro percezione di se stessi e del mondo che li circonda. “Homeward Bound” affronta tematiche sociali di attualità attraverso un originale mix di fiction e documentario. Tutti gli attori non sono professionisti.

Anche per la stagione 2016-2017 il Cinema Margherita propone la Tessera Acec Marche. La tessera costa € 5, permette di avere 5 ingressi ridotti, più uno in omaggio, ed è utilizzabile in tutte le Sale Acec Marche.

Ingressi: € 6,50 interi, € 5,00 ridotti
Ingresso universitari: € 4,00

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>